Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
ospedale civico

ASP e Ospedali

La protesta

Carenza di personale e pagamenti in ritardo: Arnas Civico, domani sit-in dei sindacati

Scoppia anche il caso della sicurezza nel parcheggio, dove diverse auto sono state oggetto di furti o sono state portate via.

Tempo di lettura: 2 minuti

Scoppia anche il caso della sicurezza nel parcheggio dell’ospedale Civico, dove diverse auto sono state oggetto di furti o sono state portate via. All’Arnas Civico, su tutta una serie di problemi irrisolti, i sindacati sostengono di non avere ricevuto rassicurazioni dai vertici dell’azienda e domattina (mercoledì) dalle 9 manifesteranno con un sit-in di fronte al padiglione amministrativo, riservandosi di organizzare altre forme di protesta affinché le richieste non verranno accolte nella loro interezza.

La manifestazione è stata organizzata dai rappresentanti sindacali aziendali Giuseppe Pizzo della Uil Fpl, Vincenzo Augello del Nursind, Mario Di Salvo della Fials-Confsal e Giuseppe La Barbera del Nursing Up.

A sostegno dell’iniziativa si sono schierati Aurelio Guerriero, segretario territoriale del Nursind, e Biagio Paradiso e Pippo Piastra, coordinatore regionale degli infermieri della Uil Fpl.

I sindacati attendono l’insediamento del nuovo commissario e ricordano che «qualcuno ha deciso di mettersi in ferie per non firmare le delibere, rallentando e paralizzando ancor di più la macchina amministrativa e quindi l’attività dell’Azienda. Siamo sempre più convinti che i commissari hanno fatto il loro tempo e abbiamo bisogno urgentemente di un direttore generale, che prenda il comando di questa Azienda, ormai alla deriva».

Le richieste dei sindacati rimangono sempre le stesse: tra queste una soluzione per la grave carenza di personale, «non basta l’assunzione di 35 infermieri, bisogna scongiurare la chiusura di numerosi reparti».

Servono poi soluzioni soluzioni contrattuali per i partita Iva e pagamento delle spettanze senza ritardi e intoppi, i libero professionisti non sono degli “imprenditori” ma vivono di stipendio.

E ancora, progressione economica di fascia per il restante personale a tempo indeterminato avente diritto, circa 500 lavoratori, revisione delle dotazioni organiche e qualifiche «con eventuali passaggi e selezioni interne del personale amministrativo, la cui carenza è stata ulteriormente amplificata dall’assenza degli ex Pip che da 15 giorni protestano per la loro stabilizzazione, alla quale noi esprimiamo solidarietà e sostegno».

E in merito alla sicurezza del parcheggio, «rendere sin da subito fruibile il parcheggio dell’oncologico per i dipendenti».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati