Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
humanitas gavezzeni

Dal palazzo

A Bergamo

Cardiologia, per il messinese Micari una nuova sfida: andrà alla “Humanitas Gavazzeni”

Dirigerà l'emodinamica della clinica bergamasca. Nel 2016 ha ricevuto a Las Vegas il premio “Vascular Career Advancement” promosso dalla Viva Phisicyan and Linc”, una delle più grandi associazioni scientifiche americane.

Tempo di lettura: 2 minuti

Messinese di nascita e cardiologo di fama internazionale, Antonio Micari si occupa di arteriopatia periferica, carotidea e aortica. Per sette anni è stato il responsabile della cardiologia invasiva del “Maria Eleonora Hospital” di Palermo e poi è stato co-responsabile dell’emodinamica del “Maria Cecilia Hospital” di Cotignola (Ravenna), entrambi centri di eccellenza del gruppo di sanità privata “Gvm Care Research”.

Nel 2016 ha ricevuto a Las Vegas il premio “Vascular Career Advancement” promosso dalla Viva Phisicyan and Linc”, una delle più grandi associazioni scientifiche americane.

«Ho ricevuto questo premio alla carriera dedicato ai giovani sotto i quarant’anni che è un riconoscimento per la mia attività di ricerca sull’arteriopatia periferica, sul salvataggio d’arto e di piede diabetico- spiega Micari- In particolare il mio focus di ricerca è stato l’uso del pallone medicato, tecnologia comparsa nel 2008. Sono stato tra i primi al mondo ad usarlo e a raccogliere i dati, da qui sono nati diversi studi concepiti da me e studi multicentrici mondiali pubblicati poi su riviste settoriali di prestigio».

Adesso il giovane cardiologo siciliano si appresta ad iniziare una nuova importante tappa della sua vita lavorativa: dal tre settembre infatti prenderà servizio come responsabile dell’emodinamica della clinica “Humanitas Gavazzeni” di Bergamo ma al momento sta operando sul nostro territorio: «Sto prestando servizio a Messina perché ci sono tanti pazienti siciliani sofferenti e con problemi di mobilità, quindi vorrei aiutarli in loco ed evitare loro spostamenti importanti».

I viaggi della speranza, in questo settore specifico, sono dettati dalla mancanza di consapevolezza nella comunità e nei medici di prima linea, cosicché spesso i pazienti vengono trattati in uno stadio già grave delle malattie.

«Le persone giungono alla nostra osservazione con problemi consistenti. Noi spesso vediamo la punta dell’iceberg, quando in realtà la base è molto più larga. Bisogna portare avanti una politica sanitaria votata alla prevenzione e alla cura precoce- conclude il cardiologo- Se i diabetologi, i medici di famiglia e tutti coloro ai quali i malati si rivolgono prima di ricorrere a noi curassero i pazienti con consapevolezza, anche il trattamento offrirebbe un risultato migliore. Invece gli esiti dell’intervento e della prognosi, in uno stadio di malattia avanzata, possono cambiare in maniera drammatica».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati