ASP e Ospedali

La Buona Sanità

Cannizzaro, ricostruzione del seno con tessuti prelevati dalla coscia

L'innovativa tecnica "PAP" (dal nome dell'arteria femorale profonda: Profunda Artery Perforator Flap), applicata per la prima volta in Sicilia.

Tempo di lettura: 3 minuti

CATANIA. Ricostruire il seno, dopo il tumore, utilizzando la cute e il grasso dell’interno coscia: è l’innovativa tecnica “PAP” (dal nome dell’arteria femorale profonda: Profunda Artery Perforator Flap), applicata per la prima volta in Sicilia nell’Azienda Ospedaliera Cannizzaro.

L’intervento è stato effettuato con successo, nei giorni scorsi, presso il Centro Grandi Ustioni per la ricostruzione del seno di una donna di 40 anni affetta da pregressa neoplasia della mammella. Il trapianto microchirurgico autologo (cioè con gli stessi tessuti della paziente) PAP ha permesso di restituire alla paziente un seno con forma e volume molto naturali grazie all’impiego di cute e grasso prelevati dalla regione interna della coscia. La muscolatura è stata completamente preservata e i tessuti sono stati trapiantati in sede mammaria e rivascolarizzati con i vasi toracici interni.

L’intervento è stato eseguito dal dott. Giuseppe Lombardo, chirurgo plastico del Centro Grandi Ustioni, con il coordinamento del dott. Rosario Ranno, direttore del Centro Grandi Ustioni, della dott.ssa Francesca Catalano, direttore della Senologia, e del dott. Savino Borraccino, direttore di Anestesia e Rianimazione. L’operazione è durata circa quattro ore e la paziente è stata dimessa in terza giornata operatoria in ottimo stato di salute.

Savino Borraccino, Giuseppe Lombardo, Salvatore Giuffrida, Diana Cinà e Rosario Ranno

La tecnica PAP si rivela fondamentale per la ricostruzione autologa delle mammelle in tutte quelle pazienti con carente tessuto addominale o con pregresse cicatrici chirurgiche addominali, che non permettono l’utilizzo del lembo DIEP, altra tecnica di ricostruzione autologa, ma attraverso il prelievo di cute addominale, da anni applicata al Cannizzaro.

«La ricostruzione del seno utilizzando tessuti autologhi- spiegano i chirurghi plastici Ranno e Lombardo- è quella più sofisticata e permette alla paziente di avere una miglior qualità della vita post-mastectomia rispetto alla più tradizionale ricostruzione con protesi. L’intervento con lembo PAP ha un’indicazione limitata rispetto al più comune DIEP in cui viene prelevato la cute e il grasso addominale e si rivolge a tutte le pazienti con un grasso corporale distribuito maggiormente nella regione delle cosce o a quelle pazienti che hanno esiti di chirurgia addominale».

«Nell’Azienda Ospedaliera Cannizzaro- sottolinea il dott. Salvatore Giuffrida, commissario straordinario- sono ormai routinari interventi microchirurgici ad alta complessità, che vedono una proficua collaborazione tra specialisti di varie Unità Operative e riducono al minimo complicanze, durata dell’intervento e giorni di degenza. Questa nuova tecnica amplierà il bacino delle pazienti che potranno usufruire della ricostruzione autologa, in un’ottica di un recupero psico-fisico completo post-mastectomia».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche