ASP e Ospedali

Il dato

Cannizzaro, altre 2 donazioni di organo: nel 2021 si tocca quota 10

L'ospedale guidato da Salvatore Giuffrida si conferma così la prima struttura a Catania e tra le prime in Sicilia per numero di segnalazioni in questo anno.

Tempo di lettura: 2 minuti

CATANIA. Altre due donazioni di organo si sono registrate in questa fine 2021 all’ospedale Cannizzaro, segnando il bilancio di un anno positivo nelle attività di prelievo. Dopo i due del mese scorso, a dicembre l’Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione ha gestito altri due prelievi multi organo, eseguiti da équipe specializzate: in un caso di fegato e cornee, nell’altro anche dei reni. In entrambi i casi, sono stati i familiari dei pazienti, deceduti a seguito di emorragia cerebrale spontanea, ad esprimere il consenso.

Nel 2021 è stata così raggiunta la quota di 10 donatori, di cui 9 multi organo, su un totale di 13 osservazioni (solo 3 le opposizioni): l’ospedale Cannizzaro si conferma così la prima struttura a Catania e tra le prime in Sicilia per numero di segnalazioni in questo anno. Il dato è particolarmente significativo se confrontato con il 2020, quando a livello nazionale e regionale, anche a seguito dell’esplosione della pandemia da Covid-19, la donazione di organi era crollata e al Cannizzaro, nello specifico, erano state svolte 7 osservazioni con due prelievi eseguiti.

E alla vigilia delle festività Salvatore Giuffrida (nella foto), direttore generale dell’Azienda Cannizzaro, volge un pensiero ai donatori e ai loro familiari: «Il prelievo di organi è un’attività complessa e delicata che si fonda, oltre che sul lavoro dei sanitari, su un presupposto essenziale: la donazione, un gesto di massima solidarietà che passa dalla fiducia nel servizio sanitario e che il più delle volte sono i familiari a compiere. In un clima di festa, rivolgo a loro e ai donatori che non sono più tra noi il ringraziamento di tutti, anche a nome di chi quegli organi ha ricevuto. Con l’approssimarsi del Natale, il pensiero della nascita diventa possibilità di rinascita offerta a chi ritrova migliore qualità di vita e in qualche caso anche nuova vita. Nel ringraziare il personale sanitario e tutti gli operatori della rete, confidiamo in una crescita ulteriore della cultura della donazione».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche