Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
chirurgia

ASP e Ospedali

La lettera di plauso all'ospedale

Canicattì, ultranovantenne salvato dai medici del «Barone Lombardo»: e i parenti ringraziano

La rubrica di Insanitas «Le vostre segnalazioni». Lettera di plauso all'ospedale: l'uomo ha superato un'operazione per una grave patologia addominale grazie ad una tecnica anestesiologica decisa dall’anestesista Mauro Granata.

Tempo di lettura: 2 minuti

AGRIGENTO. Una lettera d’encomio a un’equipe medica dell’ospedale «Barone Lombardo» di Canicattì: è stata inviata dai familiari di un paziente di 93 anni sottoposto ad un delicato intervento chirurgico per una grave patologia addominale.

L’uomo ha affrontato e superato l’operazione grazie ad una tecnica anestesiologica decisa dall’anestesista Mauro Granata che ha permesso di evitare possibili gravi rischi per il paziente.

Il quadro clinico dell’anziano e la sua età avanzata rendevano complicato qualsiasi intervento chirurgico con un rischio elevatissimo se sottoposto ad eventuale anestesia generale.

Messi di fronte ad un delicato bivio (firmare le dimissioni e riportare a casa l’anziano con tutti i rischi connessi o affidarsi alla professionalità dei medici del “Barone Lombardo”), i familiari dell’anziano hanno optato per la seconda scelta.

«Anche per me si è trattata di una scelta di carattere etico e morale», racconta il dottor Mauro Granata, sottolineando: «Ottenuto il consenso dei parenti ho deciso di praticare una anestesia epidurale continua, somministrando al paziente l’anestetico attraverso un catetere posizionato nello spazio epidurale».

«In questo modo l’uomo è rimasto sveglio e cosciente per l’intera durata dell’operazione effettuata dall’equipe chirurgica guidata dal primario Vincenzo Scudera ed abbiamo evitato, non praticando l’anestesia generale, che si potessero deprimere gli organi vitali del paziente e un eventuale trasferimento in Rianimazione».

Il decorso postoperatorio è andato perfettamente bene e l’anziano verrà dimesso a giorni dall’ospedale.

Infine Mauro Granata sottolinea: «Quanto accaduto rappresenta uno dei tanti esempi di buona sanità che avvengono all’interno del “Barone Lombardo” e per i quali il ringraziamento, oggi formulato dai familiari del paziente, deve essere esteso alla direzione generale e sanitaria dell’Asp di Agrigento che permette a noi medici di poter svolgere il nostro operato nel miglior modo possibile».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati