Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

Emergenza urgenza

Sulle manovre salvavita

Caltanissetta, 60 giovani medici a lezione di 118 dagli addetti della Centrale operativa

Attività formativa sul campo dell'emergenza-urgenza in collaborazione con l'Ordine provinciale dei medici. In particolare sono stati illustrati l'utilizzo del defibrillatore semiautomatico e le manovre salvavita.

Tempo di lettura: 2 minuti

CALTANISSETTA. L’Ordine dei Medici della provincia di Caltanissetta, in collaborazione con la locale centrale operativa del Sues 118, ha organizzato un’attività formativa nel campo dell’urgenza-emergenza rivolta ai 60 giovani medici che lo scorso marzo hanno prestato giuramento.

In particolare, sono stati avviati i corsi BLSD (Basic Life Support – Defibrillation) sulle manovre da compiere per intervenire in caso di arresto cardiaco sui pazienti adulti e in età pediatrica (nella foto in alto a destra, gli istruttori Rino Canta e Alessandro Scarantino).

L’arresto cardiaco improvviso (o “morte cardiaca improvvisa”) è un evento che colpisce nel mondo occidentale centinaia di migliaia di persone ogni anno. In Italia si registra un’incidenza di 50-60mila casi ogni anno.

«L’obiettivo è fornire ai giovani colleghi già introdotti nel mondo del lavoro le tecniche basilari per una rianimazione cardiopolmonare e defibrillazione- ha detto il presidente dell’Ordine, Giovanni D’Ippolito– Per questo motivo, grazie al prezioso contributo offerto dagli istruttori del 118, abbiamo voluto fornire questo supporto pratico che arricchisce le loro competenze teoriche».

Le lezioni sono state tenute dall’ex direttore della centrale operativa del 118 di Caltanissetta, Elio Barnabà, dall’attuale responsabile della centrale Giuseppe Misuraca, dal coordinatore Calogero Alaimo, e dagli operatori Rino Canta e Alessandro Scarantino, i quali hanno spiegato (attraverso lezioni frontali e l’impiego di un manichino) le conoscenze e le abilità relative all’utilizzo di un defibrillatore semiautomatico.

Il corso rivolto ai giovani medici è stato utile per comprendere l’importanza di riconoscere la situazione di emergenza, quando chiamare il 118 e in attesa dell’arrivo dell’ambulanza, come agire con manovre che sostituiscono le funzioni vitali interrotte. Gli istruttori hanno inoltre spiegato come servirsi di un defibrillatore per tentare di ripristinare il battito cardiaco con la defibrillazione.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati