Veterinaria

Allevamenti

Brucellosi e tubercolosi, Galluzzo (FdI): «Urge la gestione dei piani di eradicazione»

Il deputato all'Ars di Fratelli d'Italia: «Come componente della Commissione Salute mi faccio carico che venga immediatamente convocata una seduta».

Tempo di lettura: 2 minuti

«Quello che Sebastiano Lombardo in Sicilia e Pasquale D’Agostino a Casal di Principe stanno chiedendo, mettendo a rischio la loro salute, è la nomina di un Commissario Straordinario per la gestione dei piani di eradicazione della brucellosi e della tubercolosi». Lo afferma Pino Galluzzo (nella foto), deputato all’Ars di Fratelli d’Italia, aggiungendo che «i piani attuali sono vecchi e fallimentari, emanati in situazioni di emergenza che hanno portato allo sterminio di intere aziende, alla perdita del nostro patrimonio zootecnico senza mai risolvere il problema della brucellosi e della tubercolosi. Come componente della Commissione Salute mi faccio carico che su questa emergenza venga immediatamente convocata una seduta».

È in corso una petizione avanzata al Presidente del Consiglio dei Ministri ed al Ministro della Salute, come richiesto e sollecitato da diversi parlamentari e come confrontato al tavolo che gli allevatori hanno avuto con il Governo, con cui si richiede la nomina del Commissario per la brucellosi e la tbc in tutte le Regioni non ancora indenni e quindi anche in Sicilia.

«Contestualmente alla nomina di un Commissario da parte del Ministro della salute si necessita che in Sicilia venga istituito un tavolo tecnico permanente all’Assessorato alla Salute a cui partecipino anche rappresentanti dell’Assessorato all’Agricoltura- prosegue Galluzzo- perché le due questioni sono strettamente connesse per studiare e promuovere iniziative legislative, regolamentari e quanto occorra per eradicare la malattia nella nostra Regione e rilanciare la zootecnia rurale e transumante».

Oltre alla convocazione della Commissione Salute sul tema brucellosi e tubercolosi «sarebbe decisiva una indagine sui dati dei focolai aperti, nonché sui risultati degli esami post mortem per verificare la corrispondenza tra quanto emerso in sede di esame e quanto poi è risultato dagli esami post mortem», conclude il deputato di Fratelli d’Italia.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche