Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
posti letto covid Fibrosi Cistica

Dal palazzo

Coronavirus

Bonus di mille euro per i lavoratori della sanità, ecco a chi andrà

Il presidente della VI commissione La Rocca Ruvolo spiega a chi è destinato il fondo. Ora la palla passa alle Aziende Sanitarie

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. Ieri l’Ars si è espressa con voto un’anime in favore del bonus di 1000 euro per i sanitari siciliani, impegnati nella lotta contro il Covid19.

L’incentivo, com’ è specificato nella riscrittura dell’emendamento, sarà riconosciuto a medici, operatori sanitari quindi tecnici (per esempio delle Radiologie), infermieri, oss e osa. Beneficio esteso anche agli operatori Seus 118.

A riceverlo dunque i lavoratori della Sanità, senza entrare nel merito del ruolo ma quanto piuttosto al rischio che hanno corso restando in prima fila, dall’inizio della pandemia.

“In un primo momento- dichiara la presidente della commissione Salute dell’Ars Margherita La Rocca Ruvolo– alcuni colleghi avevano ipotizzato di differenziare la quota per mansioni e invece, considerata la situazione straordinaria, si è stabilito una somma uguale per tutti. La proposta, come sapete, è passata con voto unanime e mi piace pensare che ieri sia stata scritta in Aula una bella pagina di solidarietà”.

Il bonus, sarà infatti erogato a tutti gli operatori che hanno prestato servizio nei “Covid hospital”, strutture ospedaliere convertite per affrontare l’emergenza in maniera massiva abbracciando un bacino più ampio, provinciale e interprovinciale, ma anche agli operatori che hanno svolto servizio negli ospedali misti, che hanno comunque corso un rischio fungendo da fronte-office con pazienti Covid o possibili tali. Quindi i sanitari di tutti i Pronto soccorsi, a prescindere dalla presenza al loro interno di pre-triage dedicati, ed i lavoratori in servizio nelle ambulanze della Seus 118.

“Naturalmente- chiarisce La Rocca Ruvolo- stanziati i fondi la parola passa alle Aziende Sanitarie, faranno loro le valutazioni necessarie per stabilire a chi andranno le premialità. Certo non agli assenti oppure a chi non ha avuto contatti con il virus”.

Quindi non un’erogazione a pioggia ma nominativa, che dovrebbe interessare anche medici (ma non gli specializzandi) e infermieri che si sono spesi ad esempio nelle Usca, le unità speciali di continuità assistenziale sul territorio – istituite con l’art. 8 Decreto Legge 9 Marzo 2020 n.14 – per potenziare la gestione dell’emergenza sul territorio, con la presa in carico dei pazienti non ospedalizzati, asintomatici, paucisintomatici all’infezione.

Sarà adesso il Governo regionale a stabilire le modalità di versamento, d’intesa con i sindacati.

“Quello dell’Aula è un gesto di riconoscenza nei confronti di chi sta prestando la propria opera senza risparmiarsi; adesso mi auguro che, approvata la Finanziaria- conclude la presidente della commissione Salute- dopo la pubblicazione in Gazzetta si proceda senza perdere tempo all’erogazione”.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati