dimissioni comitato coronavirus precari asp

Dal palazzo

L'intesa sindacati-assessorato

Bonus Covid agli operatori sanitari siciliani, ecco come saranno ripartiti 31 milioni

Raggiunto l'accordo tra l'Assessorato regionale alla Salute e i sindacati per la distribuzione della seconda tranche di finanziamenti statali che serviranno per pagare le indennità.

Tempo di lettura: 6 minuti

PALERMO. Via alla distribuzione della seconda tranche di finanziamenti statali che serviranno per pagare le indennità Covid, i cosiddetti “bonus”, ai lavoratori della sanità pubblica regionale. È stato raggiunto ieri, in tarda serata, l’accordo tra l’Assessorato regionale alla Salute e organizzazioni sindacali sui criteri per la ripartizione di quasi 31 milioni di euro.

Le somme verranno versate nelle buste paga dei dipendenti secondo tre fasce di “intensità”, basate sul grado di esposizione al contagio durante le attività di contrasto alla pandemia, così come stabilito da un’intesa siglata lo scorso giugno.

«Oggi stesso, ci è stato garantito dopo le nostre sollecitazioni, l’assessore Ruggero Razza firmerà il decreto con cui renderà immediatamente disponibili i fondi», riferiscono i segretari generali regionali di Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl, Gaetano Agliozzo, Paolo Montera ed Enzo Tango, e di Cgil, Cisl e Uil Medici, Domenico Mirabile, Massimo Farinella e Fortunato Parisi.

La ripartizione dei fondi per provincia

La ripartizione avverrà seguendo un sistema misto basato su due criteri, l’indice di popolazione e l’incidenza dei casi Covid per provincia. “Una soluzione opportuna e condivisa. In questo modo- spiegano i sindacalisti- non rischieremo più effetti perversi come quelli che si sono verificati con la distribuzione dei primi 5 milioni di euro, che hanno lasciato intere province a secco perché si teneva in considerazione la sola attivazione dei posti letto di terapia intensiva».

Ogni provincia della Sicilia riceverà una “fetta della torta”, risultato dell’incrocio dei due criteri. A Palermo e Catania, che oltre ad essere le più popolose hanno anche avuto un’incidenza maggiore di casi di Covid-19, andranno le due somme più alte: 8,82 e 7,40 milioni euro rispettivamente. Seguono Messina e Trapani, con 3,29 e 2,56 milioni di euro. A seguire Ragusa (2,18), Siracusa (2,11), Agrigento (1,98), Caltanissetta (1,44) ed Enna (1,15). La somma destinata a ogni provincia verrà divisa in parti uguali tra le aziende del territorio.

Si parte ora con le contrattazioni a livello aziendale. “Dobbiamo essere pragmatici- dicono i sindacalisti- e arrivare al più presto al risultato seguendo la tabella di ‘intensità’ già in nostro possesso. La logica che deve guidarci è quella della premialità, per quei lavoratori che hanno guardato in faccia il virus e lo hanno combattuto, nella prima ondata di contagi e ancora oggi, nella terribile seconda ondata”.

Una tantum di mille euro

Anche gli operatori sanitari dei tre ospedali classificati della Sicilia (Buccheri la Ferla e Ismett di Palermo, San Raffaele Giglio di Cefalù) riceveranno un premio unatantum da mille euro. «Per riconoscere lo sforzo in più che hanno fatto durante l’emergenza per sostenere la sanità nel suo complesso”», spiegano le organizzazioni sindacali.

Bonus Covid anche per i lavoratori di Seus 118 con fondi della Finanziaria regionale, circa nove milioni di euro, che saranno stanziati nella prossima Convenzione tra azienda e Regione, a partire dal prossimo 14 gennaio.

IL COMMENTO DELLA FIALS

«La scadenza del 20 dicembre e le pressioni del nostro sindacato hanno portato all’accordo del 17 dicembre, che possiamo cosi riassumere:

A. La distribuzione delle risorse non sarà effettuata, fra le singole Aziende, sulla base della incidenza dei casi Covid della provincia, sistema sempre avversato dalla Fials che avrebbe premiato solo due Provincie con oltre il 50% delle risorse disponibili;

B. L’assegnazione concordata (frutto di un difficile ed equilibrato accordo fra l’Avvocato Daniele Sorelli, in rappresentanza dell’Assessore, e le OO.SS), ha individuato un criterio più equilibrato che assegna le risorse premiali alle singole Aziende, tenendo conto sia DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE, che dell’INCIDENZA COVID”.

LA Fials raccomanda a tutta la sua dirigenza a vigilare affinchè le risorse premiali siano destinate alla maggiorazione delle risorse destinate alle “condizioni di lavoro e della premialità” (straordinario, malattie infettive, pronta disponibilità, progetti), considerato che lo straordinario rutinario, la pronta disponibilità, l’indennità di malattie infettive, dovranno essere pagate con risorse di bilancio delle aziende, anche in caso di sforamento dei fondi già approvato all’inizio dell’anno 2020″.

Il sindacato aggiunge: «L’Avvocato Sorelli, per conto dell’assessore, ha comunicato di avere già riconosciuto ai lavoratori degli “ Ospedali classificati” una una tantum di 1000 euro, per lo sforzo fatto per sostenere il SSR. Quanto sopra in adempimento allo accordo di giugno 2020. Ai lavoratori di SEUS/118 (che non potranno beneficiare del contributo statale) andrà riconosciuto il “bonus regionale”, il cui ammontare dovrebbe essere di poco meno di 9 milioni di euro».

IL COMMENTO DELL’UGL

Una svolta salutata positivamente dalla Ugl siciliana presente all’incontro con Carmelo Urzì e Raffaele Lanteri rispettivamente segretari delle federazioni regionali Sanità e Medici, che sin dall’inizio si sono battuti per l’erogazione di queste ulteriori somme (giunte a oltre 30 milioni di euro) a livello nazionale ed isolano.
«Portiamo a casa un risultato  che ci rende orgogliosi, essendo stati ancora una volta vicini con i fatti all’intero comparto che in questi mesi ha lavorato in prima linea in questa emergenza epidemiologica. Siamo anche soddisfatti per aver ottenuto una suddivisione che prevede per il 50% il criterio del numero dei casi di Coronavirus trattati da ogni struttura e per il 50% il dato numerico della popolazione presente nell’area provinciale. Questo consente un equilibrio tale da poter garantire in modo adeguato anche le realtà meno popolose», sottolineano i due sindacalisti.

Raffaele Lanteri, Ruggero Razza e Carmelo Urzì

«Ancora una volta vogliamo ringraziare il governo Musumeci e lo stesso assessore per la grande attenzione che ha prestato nei confronti delle centinaia di unità lavorative che operano nel sistema sanitario siciliano pubblico, ma anche per l’ascolto nei confronti delle rivendicazioni che noi, come Ugl, abbiamo portato avanti perchè crediamo fortemente che tutto il personale merita di essere sempre più sostenuto ed incentivato soprattutto in una fase altamente delicata come questa», concludono Urzì e Lanteri.

IL COMMENTO DELLA FSI-USAE

L’attenzione del sindacato ha posto i riflettori sul personale sia ospedaliero che del territorio e degli operatori del 118, sempre in prima linea nella battaglia assistenziale alle varie emergenze.

Le richieste della Fsi-Usae sono state quelle di formulare una media che vada a premiare proporzionalmente l’impegno e il carico di lavoro, e a maggioranza i presenti hanno approvato per una macroripartizione regionale con una media tra incidenza di casi covid e popolazione.

«L’auspicio della Fsi-Usae è che i premi covid previsti vengano erogati al più presto nella busta paga di gennaio- precisano Renzo Spada, Maurizio Cirignotta, Pier Paolo Di Marco, Salvatore Ballacchino, Salvatore Di Natale e Salvatore Bracchitta componenti della segreteria regionale- Al termine della discussione l’avvocato Sorelli ci ha comunicato che oggi stesso sarà notificato il decreto di ripartizione della risorse alle aziende sanitarie per essere adottato in contrattazione decentrata e che il bonus di 1.000 euro da erogare ai 2.800 dipendenti della Seus è previsto per gennaio».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.