Dal palazzo

L'iniziativa a Palermo

“Beerfest T21”, disabili protagonisti all’insegna dell’inclusione

Raccolta di fondi per realizzare un "Pub off limits" per i mastri birrai "speciali" dell' Associazione di volontariato sportiva T21.

Tempo di lettura: 3 minuti

PALERMO. “Insieme si può”, il leit motiv dell’iniziativa solidale “Beerfest T21” promossa ed organizzata dallo Stand Florio di Palermo sabato 9 settembre nello splendido “Giardino Donna Franca”. Successo di partecipanti alla festa che ha messo in campo la sinergia tra associazioni, enti di formazione, artigiani del gusto, alta pasticceria, eccellenze gastronomiche ed artisti per raccogliere fondi per la realizzazione del “Pub off limits” per i mastri birrai “speciali” dell’ Associazione di volontariato sportiva T21 ( in riferimento alla trisomia genetica del cromosoma 21), grazie alla collaborazione con il birrificio Bruno Ribadi dei fratelli Vito e Giuseppe Biundo, di Terrasini, in provincia di Palermo.

Una serata all’insegna dell’inclusione che ha visto all’opera ragazzi normodotati insieme a persone con sindrone di Down e ragazzi in spettro autistico dell’associazione Dunadenzia supportati da Biolab che, opportunamente formati, hanno prestato il loro servizio occupandosi della distribuzione dei piatti, in un clima di condivisione.

Tra i momenti più significativi della serata, il passaggio di testimone con la consegna, da parte dei ragazzi della birra T21, del loro grembiule di lavoro agli chef Gaetano La Mantia, chef dello Stand Florio, Francesco Lelio, di Euroform e Giovanni Lorenzo Montemaggiore, presidente dell’Associazione Discipe D’Auguste d’Escoffier che hanno realizzato gli show cooking di pasta e street food.

Una “rete” di associazioni, Crocerossine D’Italia Onlus, sezione di Palermo, DonnAttiva, Edyougallery, LIons Club Palermo Federico II, hanno supportato l’iniziativa . Main sponsor la cooperativa, Primavera- Iris.

Tra le degustazioni di birra T21, di pasta Altamore di grano Senatore Cappelli e di quella della famiglia Ferraro di Real Giustalisa condite con i prodotti freschi di Biolab ed i patè “Frutti di Sicilia” di Angelo Turco, dagli stuzzichini di formaggi delle Madonie realizzati hand made dal mastro casaro Nino Spera di “Richiamo alle capre” alla prelibata rosticceria di “Barà passione gourmet” di Palermo allo sfincione “rosso” e “bianco” del panificio di Pasquale Granà di Altavilla Milicia, agli amari Perollo di Sciacca, ” Beerfest T21″ è stata una festa nel segno della generosità.

Immancabile, l’alta pasticceria con il Maestro Salvatore Cappello, il gelato del Maestro gelatiere pluripremiato Antonio Cappadonia, i dolci della migliore tradizione nebroidea, Isabella Catalano Ciancio di “La Bottega Reale” di Tortorici, Eccellenza Italiana e i torroni di Davide Scancarello di “Tentazioni e Sapori” di Caltanissetta, primo presidio italiano di Slow Food del torrone.

Ad allietare la serata, le splendide voci di Margherita Bonura, Giula D’Aquila e Letterio Lombardo accompagnati alle tastiere da Piero Caccamo e Franco Caliò. E i racconti di sabbia dell’artista Carlo Comito, ispirati alla pace, hanno regalato poesia. Presente l’attore palermitano, Matteo Contino, testimonial della birra T21.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche