Dal palazzo

Giocattoli

Barbie con sindrome di Down, ecco perché fa bene a tutti i bambini

La Mattel lancia la nuova bambola dopo quelle in sedia a rotelle o con l'apparecchio acustico. Soddisfatte le associazioni: "Grande passo"

Tempo di lettura: 3 minuti

Dopo la Barbie in sedia a rotelle e quella con l’apparecchio acustico, la Mattel lancia la Barbie con sindrome di Down. E come spiegano i produttori in una nota è stata “creata per consentire a un numero ancora maggiore di bambini di rivedersi in Barbie, oltre a far sì che Barbie rifletta il mondo che li circonda”. Inclusa nelle Barbie Fashionistas 2023, è  disponibile in quantità limitate online e in negozio questa estate e autunno a 10,99 dollari. Già entusiaste le associazioni che operano per l’inclusione dei bimbi Down.

Barbie con sindrome di Down per favorire l’inclusione

“La bambola Babrie con sindrome di Down – viene specificato – ha lo scopo di ispirare tutti i bambini a raccontare più storie attraverso il gioco”. E ancora: “In quanto linea di bambole più diversificata sul mercato, Barbie svolge un ruolo importante nelle prime esperienze di un bambino e ci dedichiamo a fare la nostra parte per contrastare lo stigma sociale attraverso il gioco – ha affermato Lisa McKnight, executive vice president e global head di Barbie & Bambole, Mattel. – Il nostro obiettivo è consentire a tutti i bambini di vedersi in Barbie, incoraggiandoli anche a giocare con bambole che non assomigliano a loro. Il gioco con le bambole al di fuori dell’esperienza vissuta da un bambino può insegnare la comprensione e creare un maggiore senso di empatia, portando a un mondo più accogliente. Siamo orgogliosi di presentare una bambola Barbie con sindrome di Down per riflettere meglio il mondo che ci circonda e promuovere il nostro impegno nel celebrare l’inclusione attraverso il gioco”.

Bambola con sindrome di Down, soddisfatte le associazioni

Per lanciare la nuova bambola, i produttori hanno lavorato a stretto contatto con la National Down Syndrome Society (Ndss). “È stato un onore lavorare con Barbie sulla bambola con la sindrome di Down – ha dichiarato Kandi Pickard, Presidente e ceo di Ndss -. Questo significa molto per la nostra comunità, che per la prima volta può giocare con una bambola Barbie che assomiglia a loro. Questa Barbie ci ricorda che non dovremmo mai sottovalutare il potere della rappresentazione. È un enorme passo avanti per l’inclusione e un momento che stiamo celebrando”.

Un grande plauso all’iniziativa arriva dal CoorDown – Coordinamento nazionale associazioni delle persone con sindrome di Down. “Siamo entusiasti dell’iniziativa di Mattel e National Down Syndrome Society, la Barbie  con sindrome di Down è un passo significativo per la cultura della diversità. La rappresentazione conta – commenta la vice presidente Martina Fuga -. Per un bambino con disabilità così, come per quelli di etnia diversa, è importante vedersi finalmente rappresentati, potersi riconoscere in una bambola così come raccontati in un film o in una pubblicità. Immaginate come si sono sentiti fino ad oggi a vedere bambole che assomigliavano a tutti tranne che a se stessi”.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche