Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
bando

Dal palazzo

La nota del sindacato

Bando per infermieri all’Asp di Trapani, il Nursind: «Troppa discrezionalità nel punteggio»

Lo sostiene il sindacato relativamente all'avviso di mobilità che mette in palio 43 posti, pubblicato a novembre e in scadenza a giorni. La replica della direzione aziendale: «Abbiamo rispettato il regolamento e la disciplina vigente in materia».

Tempo di lettura: 4 minuti

«All’Asp di Trapani manca un infermiere sui tre in pianta organica. Tra gli infermieri pediatrici  su 54 previsti solo 12 sono assunti a tempo indeterminato. Eppure il ritorno degli infermieri nella loro provincia sembra una chimera: l’avviso di mobilità che mette in palio 43 posti, pubblicato a novembre e in scadenza a giorni, prevede che una commissione avrà a disposizione 40 punti da assegnare a ciascun partecipante, di cui solo 10 punti per i titoli e 30 per il colloquio».

Lo afferma in una nota il Nursind, sostenendo che il bando «è troppo discrezionale», mentre l’Asp (vedi alla fine dell’articolo), replica così: «Il bando è stato formulato nel rispetto della regolamentazione aziendale sulla mobilità a suo tempo adottata dall’azienda nel 2010 e nel rispetto della disciplina vigente in materia».

«Se il colloquio- sostiene il Nursind guidato a Trapani da Salvatore Calamia– mira a verificare il possesso di esperienze e competenze, appare eccessivo che esso rappresenti il 75 del punteggio utile per l’accesso alla graduatoria poiché altrimenti rappresenterebbe un esame e valuterebbe le conoscenze teorico-pratiche di base tipiche dei neo laureati».

Da qui il Nursind, il sindacato delle professioni infermieristiche guidato in Sicilia da Francesco Frittitta, chiede di «invertire il rapporto tra titoli e colloquio a favore dei primi oppure procedere ad una valutazione dei candidati solo per titoli, che renderebbe più veloce il procedimento, come fece l’allora assessore Russo nel 2011. Altrimenti valuteremo anche un possibile ricorso».

Il Nursind spiega che «fra coloro che parteciperanno alla selezione tutti hanno maturato decenni di esperienza lavorando presso unità operative dei grandi ospedali metropolitani, soprattutto di Palermo, e si tratta di professionisti che hanno già affrontato una procedura concorsuale per accedere all’impiego presso la pubblica amministrazione. Il tutto certificato e attestato dalla presenza di “titoli” che in quanto tali sono incontestabili… Purtroppo così non sarà perché ai titoli è riservata solo una minima parte del punteggio globale».

Il Nursind ricorda che «dei 1.635 posti previsti ne risultavano vacanti in pianta organica 575 mentre dei 54 infermieri pediatrici ne mancavano 42. Da troppi anni aspettano con ansia di poter lavorare nel proprio territorio ma le tanto agognate mobilità, stabilizzazioni e assunzioni potrebbero diventare poco più di un miraggio a discapito degli infermieri stessi e dell’assistenza sanitaria a favore dei 436 mila trapanesi».

Il Nursind si dichiara «contrario a questo modus operandi ritenendo che sia opportuno dare il giusto peso alle esperienze lavorative maturate e alle competenze professionali acquisite e certificate. Gli infermieri trapanesi dopo anni di pendolarismo aspettano di poter rientrare nella loro provincia per dare agli assistiti il frutto di tanti sacrifici in termine di assistenza, esperienza e competenze acquisite».

La replica della Direzione strategica aziendale dell’ASP di Trapani.

«Non si comprendono le reali motivazioni di questa nota del Nursind. Stiamo parlando di mobilità, quindi di personale già assunto a tempo indeterminato. Il bando dell’ASP è stato formulato nel rispetto della regolamentazione aziendale sulla mobilità a suo tempo adottata dall’azienda nel 2010 e nel rispetto della disciplina vigente in materia».

«Tale regolamento viene adottato per tutti i profili professionali, compresi gli infermieri. E lo abbiamo applicato anche per la mobilità degli OSS, definita precedentemente. D’altronde essere i più anziani non significa essere i più competenti, anzi, a volte il contrario».

«Per questo vogliamo premiare la meritocrazia, con tutto il rispetto per l’anzianità professionale, ma visto che andiamo verso un nuovo modello, quello per intensità di cura, intendiamo assumerci la responsabilità di scegliere le migliori professionalità disponibili».

«Cosa diversa sono le stabilizzazioni del personale precario, le cui procedure sono state emanate tramite avviso pubblico. La circolare aziendale pubblicata giovedì scorso, non prevede valutazioni per titoli o colloquio, ma per quei precari che hanno già superato una selezione pubblica, solo la rispondenza di determinati requisiti per procedere all’assunzione diretta a tempo indeterminato. Per gli altri precari, come recita il comma 2 dell’articolo 20 del D. Lgs. 75/2017, sono previste invece le procedure del regolamento nazionale dei concorsi».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati