Azienda Civico, taglio del nastro per il Centro di Ginecologia oncologica: «Così si eviteranno i viaggi della speranza»

22 Aprile 2016

Interviste video di Insanitas a Giovanni Migliore (direttore generale), Baldo Gucciardi (assessore regionale alla Salute) e Maria Giovanna Salerno (presidente della Società italiana di oncologia ginecologica). Nei giorni scorsi, come già riportato da Insanitas, i sindacati avevano criticato l'apertura di questa nuova Unità operativa complessa e il metodo di nomina del primario. Il manager dell'Arnas replicò punto per punto.

di Roberto Chifari

PALERMO. Stamattina presso il Padiglione Oncologico dell’Ospedale Civico di Palermo è stato inaugurato il nuovo percorso diagnostico terapeutico interaziendale per la cura delle patologie onco-ginecologiche.

«Si completa così l’offerta assistenziale del Centro oncologico “Maurizio Ascoli”, con un reparto all’avanguardia aperto all’Università e l’obiettivo di scongiurare i viaggi della speranza fuori Sicilia», sottolinea il direttore generale Giovanni Migliore, intervistato da Insanitas insieme all’assessore regionale alla Salute, Baldo Gucciardi, e al presidente della «Società italiana di oncologia ginecologica», Maria Giovanna Salerno (in alto a destra il video con interviste ed immagini del nuovo Reparto).

Nei giorni scorsi, come riportato in un precedente articolo di Insanitas, i sindacati avevano sollevato alcune polemiche contro l’apertura di questa nuova Unità operativa complessa al Civico e sulla nomina del primario, il docente Vito Chiantera. In quell’occasione Migliore replicò punto per punto, tuttavia i sindacati vanno ugualmente avanti con un esposto alla Corte dei Conti.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV