Dal palazzo

Il servizio video di Insanitas

Autonomia differenziata, la Fimmg Sicilia: «Penalizzerà le regioni del Sud Italia»

Il 18° Congresso regionale dei "Dialoghi di Palermo Medica" è stato incentrato su questo tema. Ecco il parere di Luigi Tramonte e Luigi Galvano,

Tempo di lettura: 1 minuto

PALERMO. Il 18° Congresso regionale dei “Dialoghi di Palermo Medica” è stato incentrato sul tema dell’Autonomia differenziata e Sanità regionale. Una platea affollata e molto qualificata ne ha dibattuto a Villa Magnisi, lanciando l’allarme: «Il rischio concreto è che aumentino le disparità già esistenti tra le regioni del Sud e quelle del Nord Italia» ha affermato Luigi Tramonte, segretario regionale della FIMMG Sicilia nell’intervista video di Insanitas.

Inoltre Tramonte ha sottolineato che la medicina di base in Sicilia necessita di una riforma e di ulteriori risorse per adeguarsi ai nuovi bisogni della sanità territoriale e che urge  una sburocratizzazione.

Il congresso ha visto tra gli intervenuti Silvestro Scotti (segretario nazionale FIMMG), Luigi Spicola (segretario nazionale SIMG) e Toti Amato (presidente dell’OMCeO di Palermo). In collegamento online Filippo Anelli (presidente nazionale della FNOMCeO). Luigi Galvano, segretario provinciale della FIMMG Palermo, ha sottolineato ad Insanitas: «Le preoccupazioni legate all’Autonomia differenziata sono maggiori dei vantaggi. Penalizzerà ulteriormente la Sicilia e le altre regioni “deboli” che saranno sempre più emarginate rispetto alle Regioni del nord».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche