Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
confintesa sanità barelle

Emergenza urgenza

Sollecitato l'intervento dell'assessore Razza

Aumento del ricorso ai privati per il 118 siciliano, Confintesa Sanità: «Colpa anche della carenza di barelle»

Nota di Mario Manzo e Domenico Amato sul fenomeno sempre più crescente delle "eccedenze". Sollecitato l'intervento urgente dell'assessore Razza.

Tempo di lettura: 1 minuto

«Le statistiche delle eccedenze solleva la problematica negli sbarellamenti che nella maggior parte dei casi è dovuto ad una grave carenza delle barelle e dei presidi necessari».

Lo afferma il Coordinatore Confintesa 118 Sicilia, Mario Manzo, a seguito dei dati che mostrano un incremento decuplicato negli ultimi cinque anni della spesa relativa all’utilizzo per il 118 dei mezzi privati.

Per il Segretario Nazionale Confintesa Sanità, Domenico Amato, urge l’intervento dell’assessorato: «I dati forniti sono un campanello d’allarme da non lasciare inascoltato. Confintesa Sanità chiede l’intervento urgente dell’Assessore Razza».

Il fenomeno è stato più volte al centro della cronache: a causa, infatti, della penuria di barelle nei pronto soccorso siciliani, le ambulanze della Seus (cioè il gestore del 118) spesso restano bloccate per ore in attesa di lasciare in carico i pazienti.

Nel caso di emergenze contemporanee, quindi, essendo le ambulanze della Seus “bloccate” nei Pronto soccorso dalle Centrali operative del 118 fanno intervenire ambulanze private: è il cosiddetto fenomeno delle “eccedenze”, poiché questo ricorso ai privati comporta un ulteriore costo.

Nella foto: Antonio Russo, Mario Manzo e Domenico Amato.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati