idonei precari proroga posti letto assegni di cura razza cannabis vaccini scuola cartella sanitaria screening celiachia donatori sangue volontari pronto soccorso rete ospedaliera corruzione El Salvador registro tumori Medicina

Atto intimidatorio all’assessore Razza: politica, sindacati e professioni uniti nella solidarietà

5 Maggio 2020

I messaggi dei gruppi parlamentari, dei sindacati, degli ordini professionali, delle direzioni generali e strategiche e dell'ospedalità privata

 

di

Dopo la notizia, diffusa nel primo pomeriggio di ieri, dell’atto intimidatorio ai danni dell’assessore alla Salute della Regione Siciliana Ruggero Razza (leggi qui) si moltiplicano i messaggi di sostegno, vicinanza, solidarietà che provengono dalla politica, dai sindacati, dalle direzioni generali e strategiche di Asp e Ospedali Siciliani, ma anche dal mondo delle professioni, dagli ordini professionali e dalla rappresentanza della sanità privata. Qui di seguito tutti i messaggi di solidarietà pervenuti alla nostra redazione

 Ordine dei Medici di Palermo

“Un atto grave e preoccupante il messaggio minaccioso ricevuto dall’assessore della Salute Ruggero Razza, che non deve essere sottovalutato. Evidentemente il “processo di distruzione” avviato nei confronti dell’ospedale di Noto, nel Siracusano, tocca interessi criminosi. I medici di Palermo sono accanto all’assessore ed esprimono pieno sostegno e vicinanza, certi che la lettera intimidatoria non intaccherà il suo spirito di difesa della legalità, continuando a svolgere in piena libertà il suo lavoro anche in un momento così difficile di emergenza sanitaria come questo”. Così il presidente dell’Ordine dei medici di Palermo Toti Amato dopo la notizia di una lettera intimidatoria recapitata all’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza.

Ordine delle Professioni Infermieristiche di Palermo

“A nome di OPI Palermo voglio esprimere la vicinanza e la solidarietà di tutti gli infermieri palermitani all’assessore Ruggero Razza, vittima di una vile intimidazione che di certo cadrà nel vuoto, conoscendo bene la rettitudine e la tempra coraggiosa del nostro assessore” afferma Francesco Gargano, presidente OPI Palermo

Ordine dei TSRM e PSTRP di Palermo

“Siamo al fianco dell’assessore Razza – afferma il presidente dell’Ordine TSRM e PSTRP Marco Gandolfo Macaluso – certi comportamenti, vili ed inqualificabili, sono il segno del malessere della criminalità che di certo vive con enorme fastidio il processo di riforma e risanamento portato avanti in Sicilia. A nome di tutti gli iscritti ai 19 albi di cui si compone il nostro ordine professionale manifesto la massima solidarietà all’assessore”

AIOP Sicilia

Il presidente di Aiop Sicilia, Marco Ferlazzo, esprime solidarietà all’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza, vittima di una catena di pesanti ed inaccettabili avvertimenti. “Condanniamo con forza, per principio e per natura, ogni forma di violenza – afferma Ferlazzo – ed ogni tentativo di intimidazione, in particolare per tentare di fermare l’azione amministrativa nel delicato settore della Sanità. In un’epoca complicata come quella attuale, in cui con impegno e attenzione si sta tentando di superare l’emergenza coronavirus, che coinvolge tutti, certi gesti dal sapore antico suonano ancora più gravi e inqualificabili. In Sicilia, evidentemente, certi comportamenti improntati al malaffare sono duri a tramontare e c’è ancora chi, purtroppo, è ancora convinto di poter risolvere i problemi con metodi criminali invece che col confronto istituzionale e con la legalità. A nome mio e dell’intera categoria, che ho l’onore di rappresentare, formulo quindi all’assessore Razza l’invito ad andare avanti con la determinazione di sempre”.

Direttore Generale Ospedale Papardo

“Un fatto di indicibile infamia, da condannare fermamente. La sanità tutta si trova in un momento difficile e le scelte coraggiose dell’amministrazione non devono allargare le maglie del rispetto istituzionale. Esprimiamo quindi, a nome di tutta la direzione ospedaliera, la più assoluta vicinanza all’Assessore. Questi episodi – ha concluso il Direttore Mario Paino – non riusciranno a contrastare le azioni di riqualificazione della sanità siciliana messe in campo dal governo Musumeci e dall’assessore Razza con costante passione e impegno.”

Direzione strategica ASP di Siracusa

Il direttore generale dell’Asp di Siracusa Salvatore Lucio Ficarra anche a nome dei direttori sanitario e amministrativo Anselmo Madeddu e Salvatore Iacolino esprime “sincera solidarietà e pieno sostegno” all’assessore regionale della Salute Ruggero Razza per il vile atto intimidatorio di cui è stato vittima: “Saremo sempre al suo fianco senza se e senza ma” dichiara Ficarra mentre esprime piena fiducia alle autorità inquirenti affinché individuino al più presto gli esecutori del vile gesto”.

Direttore Generale Asp di Messina

“Nella qualità di direttore generale condividendo il pensiero con tutto il personale dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Messina, e a titolo personale, esprimo vicinanza e solidarietà all’Assessore Regionale della Salute Avv. Ruggero Razza per il vile gesto di intimidazione subito. L’opera di “risanamento” della sanità siciliana posta in essere dall’Assessore Razza e dal Governo Musumeci non subirà alcun rallentamento.” Questo il messaggio di Paolo La Paglia, direttore generale ASP Messina

Direttore Generale Arnas Garibaldi

“Desidero esprimere a nome della Direzione Strategica dell’Arnas Garibaldi, dei suoi dirigenti e dei tanti operatori sanitari, tecnici e amministrativi che la compongono, la piena e totale solidarietà nonché la più sincera vicinanza all’Assessore alla Salute della Regione Siciliana Ruggero Razza per il vile gesto intimidatorio di cui è stato oggetto. Quanto accaduto è assolutamente grave e offensivo per la dignità di tutti quei siciliani che credono nell’impegno, nel lavoro e nel rispetto reciproco, peraltro in un momento in cui l’emergenza sanitaria attuale richiederebbe armonia, resilienza e senso di responsabilità. Sono certo che questa vicenda non inciderà in alcun modo sulla proficua attività avviata dall’Assessore nella nostra Regione per il miglioramento dell’organizzazione sanitaria e per la tutela della salute dei cittadini.” Così Fabrizio De Nicola, direttore generale Arnas Garibaldi

Direzione Strategica Asp di Catania

La Direzione Strategica dell’Asp di Catania esprime massima solidarietà all’Assessore Ruggero Razza, oggetto di un vigliacco ed esecrabile atto intimidatorio. All’Assessore Razza i vertici dell’Azienda sanitaria catanese assicurano piena vicinanza e collaborazione. Nessuna intimidazione potrà scalfire o fermare la sua azione di riordino e di rilancio della sanità siciliana, ispirata da responsabilità politica e senso istituzionale.

Direttore generale Asp Trapani
“Il grave atto intimidatorio perpetrato nei confronti dell’assessore alla Salute, Ruggero Razza, è il segnale di quanto sia difficile amministrare la cosa pubblica in maniera solerte interpretando bisogni e necessità di una comunità. La direzione strategica dell’Asp di Trapani è vicina all’assessore nella certezza che la sua determinata azione di rinnovamento della sanità siciliana non subirà alcun freno da quanto accaduto”. Lo ha detto il direttore generale dell’Azienda sanitaria provinciale di Trapani, Fabio Damiani, che ha espresso la piena solidarietà all’esponente della Giunta di governo della Regione siciliana.

 

CIPOMO e AIOM Sicilia

Un uomo delle Istituzioni non deve sentirsi mai solo, viceversa, deve trarre forza e energia dalla vicinanza e collaborazione di chi come lui persevera nelle proprie azioni per svolgere il proprio compito seppur difficile e periglioso, per  migliorare e fortificare  la realtà per il bene comune. Oggi più che mai la Comunità civile, politica e il mondo della Sanità deve manifestare la sua indignazione e solidarietà all’Assessore avv. Razza per il vile atto intimidatorio subito. Certi che la determinazione dell’Assessore non verrà scalfita da quanto accaduto, Aiom – SICILIA e Cipomo – scrivono in una nota congiunta Massimiliano Spada, coordinatore Aiom Sicilia e Livio Blasi, presidente Nazionale Cipomo – intendono ribadirgli la loro vicinanza e solidarietà stigmatizzando il “linguaggio” violento e intimidatorio con cui si sta tentando di limitare la libertà di svolgere il suo mandato politico. Questo modo di agire e’ totalmente estraneo alla vera cultura della Sicilia per bene che, viceversa, collabora, si confronta, costruisce in sinergia. Consapevoli di rappresentare la maggior parte dei siciliani, Le auguriamo buon lavoro”.

VI Commissione ARS

“La Commissione Salute dell’Ars esprime solidarietà e sostegno all’assessore Ruggero Razza invitandolo a proseguire con determinazione il suo difficile lavoro per il miglioramento del sistema sanitario regionale”. Lo scrive in una nota la presidente della sesta commissione dell’Ars Margherita La Rocca Ruvolo dopo la notizia di una lettera di minacce indirizzata all’assessore regionale per la Salute Ruggero Razza e del danneggiamento della sua auto privata.

Gruppo Diventerà Bellissima ARS

«Conoscendolo bene siamo certi che Ruggero Razza non si farà intimidire da queste vili minacce, ma anzi continuerà con immutato coraggio e rigore nell’azione di rinnovamento della Sanità siciliana, all’insegna della trasparenza e della legalità. All’amico Ruggero vanno non solo la nostra convinta solidarietà ma anche il nostro pieno sostegno. Certo dispiace che proprio in queste settimane di difficile gestione dell’emergenza sanitaria i toni si siano alzati oltremodo, esasperando i malesseri, e in questo clima esagitato i delinquenti rispondono coi loro strumenti, purtroppo. L’auspicio è che gli inquirenti facciano luce prima possibile sugli autori di questo ignobile gesto». Lo affermano i deputati regionali di Diventerà Bellissima, Alessandro Aricò, Giorgio Assenza, Pino Galluzzo, Giusi Savarino e Giuseppe Zitelli.

Gruppo M5S ARS

Il gruppo parlamentare del M5S all’Ars esprime la massima solidarietà all’assessore della Salute Razza, oggetto di atti intimidatori e minacce di morte. “Azioni vili e codarde come queste, dirette a chi sta cercando, nell’interesse di tutti, di limitare i danni di questa devastante pandemia, vanno condannate senza se e senza ma. Siamo vicini all’assessore in questo momento difficile per lui e per tutti i siciliani”.

Gruppo Lega Sicilia ARS

“Apprendiamo delle minacce ricevute a mezzo posta all’Assessore Regionale alla Sanità Ruggero Razza con il contingente danneggiamento della sua vettura. Sosterremo in ogni sede la nostra vicinanza all’Assessore e condanniamo fermamente atti vili come questi che devono far riflettere i siciliani. L’impegno del governo regionale e le scelte sin qui adottate sono state mosse da grande senso istituzionale e responsabilità politica. Se la criminalità protesta vuol dire che si sta agendo sulla giusta rotta. Questi metodi però non devono essere consentiti, bene ha fatto l’Assessore Razza a denunciare questi accadimenti vergognosi. Massima solidarietà da parte di tutto il gruppo Ars della Lega Sicilia.”

Gruppo UDC ARS

“Non sarà una vile minaccia, contenuta in una lettera anonima, a fermare l’assessore Razza nella sua importante funzione e nel percorso di riorganizzazione del sistema sanitario regionale. A lui esprimiamo tutta la nostra solidarietà augurandoci che le indagini siano spedite e consentano di individuare i responsabili. Quando ci si nasconde meschinamente dietro l’anonimato per colpire un uomo delle istituzioni o per contrastare la sua azione oltre a macchiarsi di un atto delinquenziale, si esprime al contempo la propria frustrazione. A Ruggero Razza, a cui va riconosciuto il merito di aver saputo fronteggiare in maniera eccezionale l’avanzata della pandemia, va il nostro pieno sostegno. Sappiano questi delinquenti che ciascuno di noi è Ruggero Razza”. Lo affermano il capogruppo Udc Eleonora Lo Curto, i deputati Margherita La Rocca Ruvolo, Vincenzo Figuccia e Danilo Lo Giudice, insieme agli assessori Mimmo Turano e Alberto Pierobon.

CGIL, CISL, UIL, UGL Catania

Sulla notizia delle minacce ricevute dall’assessore regionale della Salute, Ruggero Razza, intervengono i segretari territoriali di Cgil, Cisl, Uil e Ugl di Catania, insieme ai segretari delle federazioni etnee Fp Cgil, Cgil medici, Cisl Fp, Cisl medici, Uil Fpl, Ugl sanità e Ugl medici. “A nome delle nostre segreterie confederali e provinciali esprimiamo la piena solidarietà al componente del Governo regionale, condannando il vile atto subito nella certezza che gli inquirenti facciano presto piena luce. Aldilà del legittimo sentimento di rispettosa critica che ogni cittadino è libero di esternare, ma anche delle posizioni divergenti che si possono assumere sulle tematiche oggetto del dibattito quotidiano, riteniamo fondamentale stringerci attorno all’istituzione ed alla persona che, peraltro, sta operando con dedizione costante in un contesto non di certo semplice come quello che stiamo vivendo. Come sindacato dei lavoratori – concludono Giacomo Rota, Maurizio Attanasio, Enza Meli e Giovanni Musumeci, con Salvatore Cubito, Armando Coco, Massimo De Natale, Stefano Passarello, Carmelo Urzì e Aurelio Guglielmino – non possiamo che sostenere ed incoraggiare l’impegno di quei siciliani, come l’assessore Razza, che cercano giornalmente di operare in un settore difficile come quello della sanità”.

Ugl sanità e Ugl medici Sicilia

“Esprimiamo ferma condanna per le vili minacce di morte e per il danno subito al mezzo dell’assessore regionale della Salute, ed amico, Ruggero Razza. In questa vicenda, la sua unica colpa è quella di aver fatto il proprio dovere quale amministratore. Episodi come questo fanno tornare alla mente anni terribili e non vorremmo mai che succedesse ancora, che si vengano a materializzare episodi simili o peggiori di questo. In un momento storico, come quello attuale, in cui l’Italia e la Sicilia devono ripartire, in cui c’è estremo bisogno di unità, atti di questa gravità inaudita si qualificano da soli. Nessuno può permettersi di intimidire chi, con coraggio ed impegno, si assume le proprie responsabilità per il bene di tutti.” Lo dicono Carmelo Urzì e Raffaele Lanteri, segretari regionali rispettivamente delle federazioni Ugl sanità e Ugl medici.

Segreterie Regionali AAROI EMAC, ANAAO ASSOMED, CIMO – FESMED, FASSID, FVM, CGIL, CISL, UIL

Le Segreterie Regionali delle Organizzazioni Sindacali della dirigenza medica, veterinaria e sanitaria della Sicilia esprimono la propria incondizionata solidarietà all’Assessore Regionale della Salute, Avv. Ruggero Razza, in merito al grave e deplorevole atto intimidatorio cui viene fatto oggetto. In un momento storico in cui l’intera umanità sta vivendo un’emergenza sanitaria senza precedenti, nei confronti della quale le Istituzioni regionali hanno finora dimostrato grandi capacità di reazione, coagulando attorno a sé le forze e l’impegno di tutti gli operatori sanitari nella lotta per fronteggiare e sconfiggere l’attuale epidemia, lascia sgomenti come qualcuno possa solamente ideare un atto intimidatorio così meschino, ben nascosto dietro un anonimato vile e codardo, nei confronti del quale non si può che esprimere la più ferma condanna. Augurandosi che gli organi preposti possano far luce al più presto sull’increscioso episodio, i Segretari Regionali firmatari della presente nota, nel rinnovare la propria stima personale e la solidarietà dell’intero mondo della sanità siciliana, manifestano vicinanza all’Assessore Ruggero Razza, certi che non si farà scalfire dalle assurde minacce di uno squallido delinquente nascosto nell’ombra.

Confintesa Sanità Sicilia e UGS Medici Palermo

“Esprimiamo la piena solidarietà, come persone e come dirigenti sindacali, a nome di tutta Confintesa, all’Assessore Razza per quanto subito in questi giorni; minacce in forma scritta e danni materiali alla sua vettura personale. Naturalmente non è mai il momento giusto, ma ben che mai ora, con una pandemia in corso. Siamo pienamente convinti che qualsiasi controversia vada comunque risolta con il confronto ed il dialogo e mai con la sopraffazione e la violenza, confidiamo nell’azione della Magistratura e delle forze dell’ordine”, così dichiarano Domenico Amato, Segretario Regionale Confintesa Sanità Sicilia e Renato Agugliaro, Segretario Provinciale UGS Medici Palermo.

Nursind Sicilia

Il Nursind Sicilia per nome e per conto di tutti i segretari territoriali siciliani ha espresso la totale vicinanza e solidarietà all’assessore Ruggero Razza. “I fatti incresciosi nei suoi confronti sono un intollerabili per tutte le istituzioni sociali e democratiche di questa Regione”.

MUD 118

Il Movimento Unito dei Dipendenti 118 Sicilia, apprese le notizie a mezzo stampa, sull’atto vandalico e le minacce a lei rivolte, condanna fortemente il vile gesto e si schiera in modo solidale al suo fianco. Tutti i componenti e tutti gli associati del MUD 118 le esprimono piena solidarietà, e ringraziandola sempre per il lavoro svolto in questo delicato momento di emergenza sanitaria nazionale.

Legacoop Sicilia

Legacoop e Legacoopsociali Sicilia esprimono  il loro più profondo sdegno per le vili intimidazioni perpetuate nei confronti dell’assessore Razza, proprio mentre si trova impegnato nella gestione di una grave emergenza sanitaria e sociale. “A lui va la nostra vicinanza, il nostro sostegno e l’invito ad andare avanti senza timore, consapevole di stare operando bene, nell’interesse di tutti i siciliani” affermano Filippo Parrino e Giuseppe Fiolo

Segreteria provinciale di Palermo della Fials guidata da Enzo Munafò e Fials Sicilia.

La segreteria regionale Fials ha espresso “sincera solidarietà nei confronti dell’assessore Razza sottolineando sincero apprezzamento per il lavoro da svolto. Siamo ben consapevoli delle difficoltà affrontate dal governo regionale e dall’assessorato per ” traghettare” la sanità siciliana da una situazione di dissesto ad una nuova fase di equilibrio economico e di efficienza. Oltre al lavoro fatto, ci attende una nuova fase di grande difficoltà, aggravata dal sopraggiungere dell’attuale pandemia, fase operativa in cui il sindacato e la FIALS vogliono essere protagonisti al suo fianco, non astenendosi dalla critica costruttiva, che ha sempre contraddistinto l’attuale fase di relazione, ma collaborando nella costruzione di una sanità nuova e diversa, caratterizzata dall’universalismo e giustizia sociale”.

Comitato Intersindacale Medicina Specialistica e del Teritorio

Manifestiamo all’assessore Razza la nostra massima solidarietà e vicinanza, con l’augurio che il gesto di qualche vigliacco, che pensa di intimorirLa e di indurLa a recedere dalla sua azione, sia per Lei un ulteriore stimolo a proseguire, tanto più che proprio questo gesto è la dimostrazione che Lei sta toccando dei “nervi scoperti” e delle incrostazioni che, magari si sentivano intoccabili perché consolidate. Per questo sentiamo il bisogno di trasmetterLe la nostra piena ed incondizionata vicinanza e di riconfermarLe il nostro supporto, invitandoLa a non recedere di un millimetro e nella piena consapevolezza che certi avvenimenti siano la dimostrazione della efficacia della Sua strategia di approccio con un sistema, come quello sanitario siciliano, che necessita di interventi forti e decisi per essere bonificato da qualche palude di interessi che lo avvolge e lo rende nebuloso ed inefficace.
Con l’augurio di potere presto incontrarLa, Le confermiamo la nostra stima ed il nostro supporto.

Nicola Locorotondo AIPA Associazione Italiana Poliambulatori Accreditati
Salvatore Calvaruso ARDISS – FKT Associazione Regionale Delle Imprese Sanitarie Siciliane / FKT
Elisa Interlandi C.I.D.E.C.
Domenico Marasà CITDS Confederazione Italiana per la Tutela dei Diritti in Sanità
Diego Genua CONFCOMM – CONFSANITA’
Francesco Salerno CROAT Coordinamento Regionale Odontoiatria Ambulatoriale di Territorio
Pietro Miraglia Federbiologi / SNABILP
Filippo Cinardo LAISAN
Salvatore Gibiino SBV Sindacato Branche a Visita
Francesco Romano SIOD Sindacato Italiano Odontoiatria Democratica

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV