Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

ASP e Ospedali

Il dg: «Andrò a riferire le nostre ragioni all'Ars»

Ricorso contro l’atto aziendale dei Civico, Migliore va al contrattacco: «Applicata la legge»

Il direttore generale replica ai sindacati: «Il loro attacco è immotivato e senza senso. Chiederò di essere ascoltato dalla Sesta Commissione dell'Ars per dimostrare che nel nostro atto tutto è stato fatto in ottemperanza a quanto richiesto dall'assessorato alla Salute».

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. «Chiederò di essere ascoltato dalla Sesta Commissione per fare il punto su questo ricorso che appare senza senso»: parla così Giovanni Migliore, direttore generale dell’Arnas Civico di Palermo. Il ricorso al quale si riferisce è quello fatto da alcune sigle sindacali sull’atto aziendale presentato dal Civico qualche tempo fa.

«Non capisco, poi- prosegue Migliore- perché questo ricorso arrivi in questi tempi e, soprattutto perché venga fatto a noi e non alla Rete Ospedaliera, alla Sesta Commissione dell’Ars oppure all’assessorato alla Sanità stesso».

Per i sindacati quest’atto è illegittimo, ma nel ricorso, non è chiesta, a quanto pare, la sospensione dell’atto stesso. «Ad oggi non abbiamo ricevuto nessuna notifica di sospensione e questo appare quanto mai strano-  spiega il manager dell’Arnas Civico- Sarebbe la prima cosa da richiedere se si pensa che qualcosa non vada nell’atto stesso».

Ma Migliore è sereno: «Non abbiamo fatto altro che applicare la legge e ci siamo attenuti a quanto ci è stato richiesto dall’assessorato alla Sanità e dalla Sesta Commissione, né più né meno. Ho chiesto di essere ascoltato proprio per fare presente questo punto e dimostrare che nel nostro atto tutto è stato fatto in ottemperanza a quanto richiesto. Si tratta di un ricorso assolutamente fuori luogo».

«Noi abbiamo bocciato l’atto e la dotazione organica, ma non abbiamo fatto ricorso- dice una nota della Fials, la Federazione italiana autonomie locali e sanità – Probabilmente qualche sindacato ha fatto marcia indietro. Ma adesso non ha senso».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati