Dal palazzo

Il caso

Assessorato alla Salute, aggredito il dirigente generale Mario La Rocca

Un dipendente della Regione lo avrebbe colpito con due pugni al volto: medicato al pronto soccorso, ha una prognosi di 7 giorni per traumi facciali.

Tempo di lettura: 3 minuti

PALERMO. Aggredito il dirigente generale dell’assessorato alla Salute, Mario La Rocca (nella foto di Insanitas). Da quanto si apprende un dipendente della Regione lo avrebbe colpito con due pugni al volto. La Rocca è stato medicato al pronto soccorso del Policlinico di Palermo e ha una prognosi di 7 giorni per traumi facciali.

«Sono stato meglio, ma me la cavo sempre» ha commentato La Rocca prima di entrare nel commissariato Libertà dove il dirigente generale del Dasoe e della Pianificazione strategica ha presentato denuncia per aggressione. L’aggressore a quanto pare sarebbe uno degli autisti dell’assessorato, ma sul punto gli inquirenti stanno verificando la versione dell’aggredito. (ANSA).

LE REAZIONI

«Abbiamo già avviato una verifica interna-  afferma il presidente della Regione, Renato Schifani- Una volta accertato che le responsabilità sono in capo a un dipendente della Regione, saremo inflessibili. Al dottore La Rocca va la mia solidarietà e l’augurio di una pronta guarigione».

«Apprendo con sgomento e profonda indignazione dell’aggressione subita dal direttore generale dell’assessorato regionale alla Salute Mario La Rocca. Al direttore La Rocca esprimo la solidarietà e la vicinanza del sindaco e dell’amministrazione con l’augurio di una pronta ripresa»: così il sindaco di Palermo Roberto Lagalla.

«La violenza in tutte le sue espressioni non è tollerabile. Va assolutamente condannata, senza se e senza ma», scrivono dalla Fp Cgil Sicilia. «Si tratta di un episodio deplorevole che suscita profonda indignazione- afferma il Segretario Generale, Gaetano Agliozzo– Le motivazioni, qualunque esse siano, non giustificano azioni che minacciano l’incolumità fisica delle persone. Al dirigente La Rocca, a cui va convinta solidarietà e vicinanza per l’aggressione subita auguro una pronta guarigione a nome mio personale e dell’intera Funzione Pubblica siciliana che mi onoro di guidare e rappresentare».

«Quanto accaduto suscita stupore e sdegno. L’uso della violenza non può essere giustificato e giustificabile in nessun caso» scrive il segretario della Cisl Fp Sicilia Paolo Montera commentando la notizia dell’aggressione al dirigente generale del Dipartimento della Pianificazione Strategica e del Dasoe.
La segreteria regionale della Fials e tutte le segreterie provinciali esprimono solidarietà nei confronti di Mario La Rocca per l’aggressione subita. Il segretario regionale Fials, Sandro Idonea, condanna fermamente l’increscioso episodio di violenza e augura a La Rocca una pronta guarigione.
«Esprimiamo profonda solidarietà e vicinanza al dottor Mario La Rocca per l’aggressione subita. Sono eventi che non dovrebbero mai verificarsi e che condanniamo fermamente. A La Rocca, a cui riconosciamo grande capacità professionale e di dialogo, i nostri migliori auguri”. Lo afferma Giuseppe Forte, commissario straordinario Fials Palermo.

Il Nursind Sicilia e le segreterie territoriali esprimono «massima solidarietà e vicinanza» al dirigente regionale Mario La Rocca e condannano fortemente la violenta aggressione. Dal Nursind e da tutti gli iscritti i migliori auguri di pronta guarigione.

Il Segretario Regionale CIMO Sicilia, Giuseppe Bonsignore, e il Presidente Regionale della Federazione CIMO-FESMED, Riccardo Spampinato, esprimono «la massima riprovazione per la vile aggressione ai danni del Dirigente Generale dell’Assessorato Regionale della Salute, Ing. Mario La Rocca. Pur non conoscendo i contorni della vicenda non si può che manifestare solidarietà per un fatto così grave, con l’auspicio che chi di dovere faccia luce sull’accaduto e che vengano presi immediati provvedimenti nei confronti di chi ritiene che la violenza possa prevalere su ogni altra cosa».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche