Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

Dal palazzo

Lo studio del Dipartimento Bionec

Assenza di gravità ed effetti sulla salute, un progetto dell’Università di Palermo finanziato dall’Agenzia Spaziale Italiana

Lo studio del Dipartimento Bionec è arrivata prima in graduatoria aggiudicandosi un contributo di circa 120 mila euro.

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. Importante risultato del Dipartimento di Biomedicina Sperimentale e Neuroscienze Cliniche (BIONEC) dell’Università di Palermo. Fabio Bucchieri, professore di Anatomia Umana, è il responsabile scientifico del progetto “Three-dimensional culture of bronchial mucosa in microgravity: a new model to study respiratory cell differentiation and stress during space-flight” che mira a studiare gli effetti dell’assenza di gravità durante i viaggi spaziali di lunga durata, come quello in programma per Marte.

Il progetto era stato già valutato al primo posto dall’Agenzia Spaziale Europea (ESA) nel bando ILSRA-2014, che ha visto oltre 231 partecipanti da tutto il mondo. Lo stesso progetto è stato presentato su un bando dell’Agenzia Spaziale Italiana dedicato a supportare gli esperimenti sulla Terra dei progetti la cui sperimentazione nello Spazio era già stata finanziata dall’ESA.

Su 14 proposte presentate da altrettanti gruppi italiani delle principali Università e centri di ricerca (tra cui quelle di Padova, Milano, Roma, Firenze, Napoli e l’Istituto Italiano di Tecnologia), la proposta di Bucchieri è arrivata nuovamente prima in graduatoria aggiudicandosi un contributo di circa 120 mila euro.

Grande la soddisfazione di Giovanni Zummo, Direttore del Dipartimento BIONEC, e dello stesso Bucchieri i quali affermano che questo risultato è un’ulteriore conferma della bontà del lavoro svolto in tutti questi anni dal gruppo di ricerca dell’Anatomia Umana anche in cooperazione con altri gruppi all’interno del Dipartimento. Il progetto prevede tra l’altro una fase di ricerca industriale e sviluppo sperimentale con una azienda italiana con l’obiettivo di costruire un nuovo strumento per l’effettuazione di colture tridimensionali “ex-vivo” nella Stazione Spaziale Internazionale.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati