Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
dimissioni comitato coronavirus precari asp

Dal palazzo

L'indagine

«Assenteismo all’assessorato regionale alla Salute»: 42 sotto accusa, 11 agli arresti domiciliari

In azione la Guardia di Finanza,

Tempo di lettura: 1 minuto

PALERMO. L’accusa è quella di assenteismo: 42 dipendenti dell’assessorato regionale alla Sanità di piazza Ziino dovranno rispondere, a vario titolo, di truffa aggravata, accesso abusivo al sistema informatico, false attestazioni e certificazioni.

Undici di loro sono ai domiciliari, altrettanti con l’obbligo di firma e i restanti venti denunciati a piede libero.

Secondo la Guardia di Finanza “alla base del meccanismo c’è lo scambio dei badge e l’utilizzo dei computer aziendali, che permettevano di attestare false presenze”.

L’indagine, coordinata dalla Procura, si è svolta tramite pedinamenti e pure con l’utilizzo di microspie, rilevando più di 400 ore attestate ma in realtà mai effettuate.

In base alle accuse “molti dipendenti, seppur fittiziamente risultanti in servizio, erano soliti recarsi a lavoro con circa 3 ore di ritardo, occuparsi di faccende private quali la spesa o il parrucchiere e in taluni casi persino raggiungere località fuori Palermo. C’era una prassi consolidata negli uffici dell’assessorato. Quei dipendenti gestivano i loro turni di servizio con presenze fittizie debitamente e furbescamente certificate”.

Ecco la reazione dell’assessore Ruggero Razza (clicca qui).

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati