piani di rientro dg commissari nissena rimozione concorsi sanità monito manager refusi revoca rete infarto assenteismo arresti infortuni lavoro allattamento seno

«Assenteismo all’assessorato regionale alla Salute»: 42 sotto accusa, 11 agli arresti domiciliari

27 Novembre 2018

In azione la Guardia di Finanza,

 

di

PALERMO. L’accusa è quella di assenteismo: 42 dipendenti dell’assessorato regionale alla Sanità di piazza Ziino dovranno rispondere, a vario titolo, di truffa aggravata, accesso abusivo al sistema informatico, false attestazioni e certificazioni.

Undici di loro sono ai domiciliari, altrettanti con l’obbligo di firma e i restanti venti denunciati a piede libero.

Secondo la Guardia di Finanza “alla base del meccanismo c’è lo scambio dei badge e l’utilizzo dei computer aziendali, che permettevano di attestare false presenze”.

L’indagine, coordinata dalla Procura, si è svolta tramite pedinamenti e pure con l’utilizzo di microspie, rilevando più di 400 ore attestate ma in realtà mai effettuate.

In base alle accuse “molti dipendenti, seppur fittiziamente risultanti in servizio, erano soliti recarsi a lavoro con circa 3 ore di ritardo, occuparsi di faccende private quali la spesa o il parrucchiere e in taluni casi persino raggiungere località fuori Palermo. C’era una prassi consolidata negli uffici dell’assessorato. Quei dipendenti gestivano i loro turni di servizio con presenze fittizie debitamente e furbescamente certificate”.

Ecco la reazione dell’assessore Ruggero Razza (clicca qui).

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV