Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
cup asp enna

ASP e Ospedali

«In scadenza 650 contrattisti»

Asp di Palermo, i sindacati lanciano l’allarme: «A rischio i servizi Cup, prenotazioni visite ed esenzione ticket»

I segretari aziendali di Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl Palermo: «Il prossimo 31 dicembre scadono i contratti di 650 circa dipendenti a tempo determinato e, in assenza di novità, il sistema rischia di andare in tilt». Proclamato lo stato di agitazione.

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. «Sono a rischio i principali servizi dell’Asp di Palermo: dal Cup per le prenotazioni di visite ed esami all’ufficio esenzione ticket».

Lo affermano i segretari aziendali all’Asp di Fp Cgil Palermo, Cisl Fp Palermo Trapani e Uil Fpl Palermo, (Mario Scialabba, Gaetano Mazzola e Giuseppe Amato) aggiungendo: «Il prossimo 31 dicembre scadono i contratti di 650 circa dipendenti a tempo determinato e, in assenza di novità, il sistema rischia di andare in tilt. Questi lavoratori tengono in piedi molte delle strutture dell’azienda. In alcune unità operative, addirittura, opera un solo dirigente e tutti contrattisti. C’è la possibilità, più che concreta, che da gennaio 2017 si fermino servizi e uffici fondamentali».

Poi i sindacalisti aggiungono: «Abbiamo chiesto alla direzione generale dell’azienda cosa intenda fare, ma non abbiamo ricevuto alcuna risposta nonostante il termine di dicembre sia ormai dietro l’angolo. Sollecitiamo l’assessore regionale alla Salute, Baldo Gucciardi, a intervenire perché siamo fortemente preoccupati per l’utenza che, se non si troverà una soluzione, impatterà contro notevoli problemi».

Le sigle sindacali ieri hanno proclamato lo stato di agitazione di tutto il personale «per evidenziare i pericoli che genera l’immobilismo del management aziendale».

La risposta dell’Assessorato alla Salute:

In riscontro alla nota inviata all’assessore Gucciardi dalle organizzazione sindacali sopra indicate, l’ufficio di gabinetto dell’assessorato ha inviato una lettera con le seguenti conclusioni:

“Considerata la peculiare situazione dei lavoratori, che non può essere sussunta tra le fattispecie di cui alle recenti direttive impartite alle Aziende dal SSR, si concorda con la proposta formulata dall’organizzazione sindacale in merito all’opportunità di addivenire in tempi brevi alla predisposizione di un provvedimento legislativo regionale – che vedrà coinvolto lo scrivente nella qualità di componente della Giunta di Governo – nella consapevolezza che detto personale in atto risulta utilizzato dall’Asp di Palermo – così come in altre aziende – nell’espletamento di funzioni e servizi fondamentali alla struttura organizzativa”. La nota è firmata dall’assessore.

Le organizzazioni sindacali chiedevano la creazione di un ruolo aggiunto in sovrannumero ad esaurimento per le categorie A e B, da utilizzare esclusivamente per la copertura dei posti previsti in organico resisi ne fra tempo vacanti. Considerato che tale soluzione avrebbe trovato ostacoli sul piano tecnico/amministrativo, le stesso oo. ss. hanno chiesto all’assessore una “soluzione politica” che, da quanto emerge nella nota di risposta, pare sia stata accolta da Gucciardi.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati