ASP e Ospedali

Sit-in il 10 marzo

Asp e Seus di Agrigento, la Cisl Fp proclama lo stato di agitazione

Il sindacato protesta contro «inadempienze soprattutto degli istituti di carattere normo-economico per i dipendenti». Sotto accusa pure la mancata operatività dei tunnel di sanificazione dei mezzi del 118.

Tempo di lettura: 2 minuti

Proclamato lo stato di agitazione dei lavoratori dell’Asp 1 e dei lavoratori della Seus 118 del bacino di Agrigento: il 10 marzo è previsto un sit-in davanti alla Prefettura. La decisione arriva da parte della Cisl Fp «dopo l’ennesima sollecitazione inviata alla governance dell’Azienda sanitaria rispetto ad una lunga serie di inadempienze messe in atto in questi anni soprattutto per quanto riguarda il riconoscimento degli istituti di carattere normo-economico per i dipendenti del comparto, sia amministrativo che sanitario».

«In particolare- dice in una nota il segretario Salvatore Parello– abbiamo più volte sollecitato l’azienda alla conclusione e la pubblicazione della graduatoria della procedura relativa alle progressioni orizzontali; ad avviare il percorso delle progressioni verticali; a procedere con la mobilità interna, a corrispondere, senza ulteriore ritardo, le premialità covid e la liquidazione dei compensi relativi alle attività inerenti la campagna vaccinale ancora, inspiegabilmente, non liquidate nonostante gli enormi sacrifici posti in essere dai lavoratori».

Il sindacato, inoltre, chiede la proroga dei contratti a tempo determinato, per i lavoratori assunti per l’emergenza covid, in scadenza il prossimo 31 marzo ed evidenzia «come ormai da 2 anni l’azienda non sia ancora riuscita a rendere operativi i tunnel di sanificazione dei mezzi del 118, costringendo i lavoratori ad effettuare manualmente, sotto le intemperie e senza le adeguate misure di sicurezza, le operazioni necessarie a tutela della loro salute e di quella dei pazienti».

«Per tutte queste motivazioni- conclude Parello- crediamo sia necessario proclamare un sit-in a sostegno della nostra vertenza. Manifestiamo sin da subito la nostra disponibilità al confronto ribadendo, tuttavia, che in caso di mancato riscontro inaspriremo le forme di protesta».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche