Damiani Asp Trapani ospedale oss Tac graduatorie multiorgano concorso full time

Asp di Trapani, la Cisl lancia l’allarme: «Mancano 700 unità rispetto alla dotazione organica»

8 Gennaio 2019

Domani il neo commissario dell'Asp di Trapani, Fabio Damiani, incontrerà le sigle sindacali. Il sindacato chiede un tavolo tecnico permanente di confronto.

 

di

TRAPANI. Domani (mercoledì) il neo commissario dell’Asp di Trapani, Fabio Damiani (nella foto), incontrerà le sigle sindacali. In vista di questo confronto, il segretario generale aggiunto, Marco Corrao, il segretario aziendale all’Asp di Trapani per la Cisl Fp Palermo Trapani, Francesco Blunda e il direttivo di Trapani del sindacato, hanno inviato una nota elencando le priorità per l’azienda e presentando alcune proposte.

«È ormai atavica la carenza di personale– scrive la Cisl Fp Palermo Trapani- Rispetto alla dotazione organica prevista dal fabbisogno triennale mancano 700 unità. Questo ha ricadute negative sia sull’organizzazione del lavoro, sia sull’efficienza dei servizi ai cittadini. Il primo obiettivo da conseguire è avviare un’interlocuzione con l’assessorato regionale alla Salute, per definire un atto aziendale, propedeutico a una concreta e reale dotazione organica e quindi a una celere ripresa di tutte le procedure di reclutamento del personale».

Il segretario generale aggiunto, il segretario aziendale e l’intero direttivo della Cisl Fp Palermo Trapani sottolineano il ritardo che si registra nell’applicazione dell’ultimo contratto del comparto Sanità e rimarcano il mancato confronto su alcuni fondamentali istituti contrattuali quali l’orario di lavoro, il recupero ore e del debito orario, la progressione economica orizzontale (fasce) e la ripresa dell’erogazione dei buoni pasto sospesi per il personale turnista.

«È palese che si è in uno stato di emergenza– aggiunge la Cisl Fp Palermo Trapani- per cui è indispensabile costruire insieme un percorso di soluzione dei problemi. In quest’ottica, noi proponiamo un tavolo tecnico e di confronto permanente con le sigle sindacali firmatarie di contratto e con le Rsu, in modo da disporre di uno strumento utile alla costruzione di un sistema di relazioni sindacali stabile e proficuo, necessario per condividere tutti i processi riorganizzativi e innovativi aziendali del prossimo futuro».

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV