ASP e Ospedali

L'iniziativa di Caltagirone

Asp di Siracusa, ecco l’esito del sondaggio rivolto ai cittadini

Tra le sollecitazioni una rivoluzione digitale nei sistemi sanitari, più informazione e formazione alla popolazione.

Tempo di lettura: 5 minuti

L’importante partecipazione dei cittadini al sondaggio sia on line che cartaceo proposto dal commissario straordinario dell’Asp di Siracusa Alessandro Caltagirone la scorsa settimana per comprendere quanto utenti, personale sanitario aziendale, specialisti, medici di famiglia e pediatri siano preparati ad accogliere l’evoluzione dei sistemi digitali nei servizi sanitari che è in atto nell’Azienda, ha dimostrato in soli tre giorni la volontà della popolazione a partecipare al fianco della Pubblica amministrazione per rendere servizi più celeri ed efficienti, a misura della domanda e del grado di maturità informatica del cittadino mettendo in evidenza punti di forza e di debolezza su cui occorre intervenire.

«Sono grato a quanti hanno risposto al mio appello- dichiara il commissario straordinario- che ci consente di procedere rispettando il ruolo centrale che deve avere il cittadino nelle scelte e nell’organizzazione dei servizi nel sistema sanitario secondo le reali aspettative, esigenze e grado di maturità informatica della popolazione. Dal momento in cui lo abbiamo annunciato, in soli 3 giorni il questionario è stato compilato da oltre 5 mila persone, tra utenti, personale sanitario aziendale, medici di medicina generale e pediatri, tutte interessate a dare riscontro e a collaborare con l’Azienda per fornirci idee più chiare su quanto la popolazione sia pronta al cambiamento, sia in possesso degli strumenti per accedere ai sistemi digitali, su quanto il territorio abbia o meno infrastrutture adeguate all’accesso a tali servizi. Ma soprattutto, hanno contribuito a fornire chiarezza se esiste o meno la possibilità che la digitalizzazione possa creare un ulteriore divario tra i cittadini digitali e quelli analogici fornendoci l’input su come meglio intervenire».

«Abbiamo la responsabilità di offrire i migliori strumenti per agire sulla salute dei cittadini- prosegue il manager Caltagirone- e per tale ragione i processi organizzativi di questa Azienda dovranno essere il frutto del continuo confronto e dell’accoglimento costante dei suggerimenti propositivi che pervengono dal territorio».

In soli 3 giorni di sondaggio tra i cittadini sul grado di conoscenza dei servizi sanitari digitali, hanno risposto via web in 4730, 182 questionari cartacei sono stati rilevati negli ospedali, 407 sono state le risposte da operatori sanitari aziendali, 72 le risposte da medici di medicina generale e pediatri di libera scelta. Dei cittadini che hanno risposto, l’11% è di età inferiore a 35 anni, il 37% tra 35 e 50 anni, il 34% tra 51 e 64, il 18 over 65 anni.

Complessivamente il sondaggio ha rilevato che il 93% dei cittadini utilizza lo SPID per accedere ai servizi digitali e il 95% conosce il servizio PagoPa per il pagamento del ticket sanitario ma solo il 46% lo utilizza. Ancor meno cittadini, il 44%, conoscono il servizio regionale SovraCup per la prenotazione online di visite e prestazioni e solo il 35% lo utilizza regolarmente. La possibilità di attivare il Fascicolo sanitario elettronico la conosce appena il 16% dei partecipanti al sondaggio ed appena il 5% in atto lo utilizza. Così come gli strumenti di telemedicina per le televisite sarebbero preferiti appena dal 18% degli utenti intervistati, ancor meno dal 14% da parte del personale sanitario aziendale e dal 26% dei medici di famiglia e pediatri.

«Sono dati che ci danno contezza del fatto che ci sono importanti servizi disponibili ma evidentemente non bene pubblicizzati e dunque quasi sconosciuti alla popolazione e questo ci suggerisce di procedere con una massiccia campagna informativa tra la popolazione- commenta il manager Caltagirone– per evidenziare i benefici concreti delle tecnologie digitali, come l’ottimizzazione dei tempi, la riduzione degli errori e il miglioramento dell’assistenza al paziente. Metteremo in campo sistemi informativi, video tutorial accessibili dal sito internet aziendale che spiegano passo dopo passo come usufruirne, campagne informative sui social e a mezzo stampa, incentiveremo la formazione delle giovani generazioni a partire dalle scuole, creando nell’utente stesso la consapevolezza dell’importanza del cambiamento e la capacità di usufruire di sistemi digitali contribuendo al miglioramento dell’assistenza sanitaria».

Caltagirone aggiunge: «Rafforzeremo la collaborazione con i medici e con le farmacie del territorio attraverso un servizio di supporto tecnico progettando nei sistemi informatici interfacce ancora più intuitive. Ritengo opportuno che si valuti la possibilità di introdurre sistemi di incentivazione per premiare i medici che adottano e promuovono l’uso di tecnologie digitali, la possibilità nelle scuole di fare dotare i ragazzi che compiono 18 anni di identità digitale, di sviluppare programmi di formazione su misura per i medici anche a livello universitario».

«Attraverso queste iniziative- conclude il commissario straordinario- intendiamo garantire che ogni cittadino della provincia di Siracusa possa beneficiare delle opportunità offerte dalla digitalizzazione nel settore sanitario. I dati suggeriscono l’utilità dell’istituzione dei punti di accesso ai servizi sanitari digitali negli Ospedali, Case di Comunità e Poliambulatori medici territoriali, dell’incremento degli strumenti digitali per consentire ai pazienti di usufruire dei servizi online. Questo è solo l’inizio di un percorso che vedrà la tecnologia e l’innovazione al servizio della salute e del benessere dei nostri cittadini. Invitiamo la comunità a partecipare attivamente a questo processo di trasformazione, che promette di migliorare significativamente l’accessibilità e l’efficacia dei servizi sanitari».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche