ASP e Ospedali

Ospedale "Maria Paternò Arezzo"

Asp di Ragusa, mammografo digitale per effettuare le biopsie con metodica stereotassica

Ha una capacità in termini di risoluzione dell'immagine e di adeguatezza della diagnosi, di gran lunga superiore rispetto alle versioni precedenti.

Tempo di lettura: 2 minuti

Il parco tecnologico dell’ASP di Ragusa si è arricchito, in queste settimane, di un mammografo digitale che amplia e migliora l’offerta dell’Unità di Screening mammografico e diagnostica senologica. L’apparecchiatura, che si trova all’ospedale “Maria Paternò Arezzo” di Ragusa Ibla, ha una capacità in termini di risoluzione dell’immagine e di adeguatezza della diagnosi, di gran lunga superiore rispetto alle versioni precedenti.

Consente la valutazione tridimensionale della struttura della ghiandola mammaria (la cosiddetta ‘tomosintesi’) e, in particolare, di effettuare le biopsie con metodica stereotassica, cioè attraverso una visione più accurata e approfondita delle patologie tumorali che hanno carattere multifocale. “Significa poter intercettare i tumori con localizzazione diverse rispetto al nodulo più eclatante e visibile, che solitamente viene sospettato per primo – spiega il dott. Giuseppe La Perna, Direttore della U.O.S.D. Screening mammografico e diagnostica senologica – Questo strumento non solo ha la capacità di svolgere un esame tridimensionale, ma anche di approfondirlo con l’utilizzo del mezzo di contrasto. Ne discende un miglioramento della capacità di diagnosi e, in termini di efficacia e di adeguatezza, delle terapie da sottoporre alle pazienti”.

«La nuova apparecchiatura- sottolinea il Direttore generale dell’ASP di Ragusa, Giuseppe Drago – implementa la diagnostica e apre nuove prospettive di sviluppo per la nostra Breast Unit: ricordo, infatti, che l’ASP di Ragusa dispone di una delle 17 unità siciliane altamente specializzate, che fornisce alle pazienti portatrici di patologia tumorale alla mammella, l’utilizzo di metodiche e tecniche innovative, ma anche un’assistenza di elevato profilo grazie alla presenza di professionisti dedicati”.

«Per curare questo genere di neoplasia- aggiunge il Direttore sanitario, Raffaele Elia– ormai da qualche anno non è più necessario recarsi fuori dalla nostra provincia. Nelle prossime settimane, grazie ai fondi del Pnrr, altri mammografi di ultima generazione verranno consegnati all’Azienda per la successiva installazione nei diversi presidi ospedalieri, allo scopo di aumentare l’offerta in tutta la provincia”.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche