infermieri catania istituzioni sanitarie denuncia guardia medica sicurezza

ASP e Ospedali

La protesta

Asp di Ragusa, il Nursind: «Tagliati i contratti agli infermieri precari»

Il sindacato contesta la proroga di solo due mesi e la riduzione delle ore lavorative. Finora nessuna replica dall'Azienda sanitaria provinciale.

Tempo di lettura: 2 minuti

RAGUSA. «Proroga solo per due mesi per gli infermieri dell’Asp di Ragusa». Lo fa sapere il Nursind guidato da Giuseppe Savasta, commentando «il provvedimento last minute dell’azienda sanitaria costretta dalla Regione a un atto che crea tanta incertezza ai lavoratori precari». Il sindacato evidenzia inoltre che «per rinnovare i contratti di lavoro al personale amministrativo sono stati penalizzati gli infermieri, che hanno visto rinnovato il contratto per soli due mesi con riduzione oraria a 25 ore anziché 36».

Insanitas ha contattato l’Asp di Ragusa per una  replica, non appena dovesse arrivare sarà pubblicata. «La programmazione sanitaria non si può reggere su una continua rincorsa all’ultimo minuto- afferma Savasta – turni di lavoro in sospeso, attività organizzative di reparto, gestioni delle sedute operatorie tutte in bilico fino allo scoccare dell’ultima direttiva regionale. Se è vero che dagli errori si dovrebbe imparare è anche vero che perseverare è diabolico. Con tutto il rispetto per l’attività dei lavoratori amministrativi, non è normale che per garantire il rinnovo al personale amministrativo si riduca l’orario di lavoro al personale infermieristico».

Secondo il Nursind bisogna superare la logica delle proroghe dei contratti e «iniziare seriamente a mettere mano sin da subito alle dotazioni organica dell’Asp che, come sempre abbiamo sostenuto noi, è stata redatta davvero calcolando al minimo il personale. Si dovrebbe cominciare a pensare di riprogrammare le dotazioni organiche anche in virtù dell’istituzione delle Cot, le Centrali operative territoriali, e degli ospedali e case di comunità. Come Nursind ci faremo promotori di diverse iniziative all’assessorato regionale, avendo già predisposto delle proposte fattibili e sostenibili, il tutto per garantire il diritto al lavoro per gli infermieri e il diritto alla salute pubblica per la popolazione».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1


    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche