Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
infermieri catania istituzioni sanitarie denuncia guardia medica sicurezza

ASP e Ospedali

L'appello del sindacato

Asp di Ragusa, il Nursind: «Sia potenziata la sicurezza contro le aggressioni agli operatori»

Il sindacato degli infermieri suggerisce tra i possibili interventi la presenza h24 di una guardia.

Tempo di lettura: 2 minuti

RAGUSA. Potenziare le misure di sicurezza a tutela del personale nel pronto soccorso e dei vari presidi dell’Asp di Ragusa: è quanto chiede il sindacato Nursind in una nota a firma del segretario territoriale Giuseppe Savasta che suggerisce tra i possibili interventi la presenza h24 di una guardia, che ha già mostrato effetti positivi durante il normale orario di lavoro.

Nella nota inviata all’Asp 7, il Nursind ricorda che «come organizzazione sindacale registriamo diverse segnalazioni da parte di colleghi di aggressioni verbali e minacce ricevute».

Secondo il sindacato delle professioni infermieristiche «purtroppo come apprendiamo dalle notizie che ci giungono a livello nazionale, i fenomeni di aggressione, anche verbali, nei confronti dei professionisti che prestano il proprio servizio presso i pronto soccorso e i pte, sono in aumento. I professionisti che prestano il primo soccorso si trovano a fronteggiare situazioni al limite della decenza, generando così un clima lavorativo teso e pericoloso sia per i lavoratori che per gli assistiti. Purtroppo anche la nostra Asp non è esente da questi fenomeni: ricordiamo ad esempio l’aggressione al collega infermiere di Comiso nel maggio del 2019».

Dal Nursind concludono: «Riconoscendo una sensibilità in questa amministrazione volta alla sicurezza dei lavoratori e alla conseguente garanzia delle cure per i pazienti, si chiede di mettere in atto una più ampia forma di tutela della sicurezza dei lavoratori».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati