ASP e Ospedali

Servizio gratuito

Asp di Ragusa, consegna a domicilio dei farmaci chemioterapici orali

Prende il via un nuovo servizio gratuito che in tempo di epidemia da Covid-19 semplificherà la vita di questi pazienti.

Tempo di lettura: 2 minuti

Da oggi i cittadini della provincia di Ragusa avranno un servizio in più: i pazienti oncologici ed ematologici riceveranno i farmaci chemioterapici orali direttamente e gratuitamente al proprio domicilio. È un nuovo servizio che oggi più che mai, in tempo di epidemia da Covid-19, semplificherà la vita di questi pazienti.

Si tratta di pazienti ematologici e oncologici in condizioni stabili, affetti da: Sindrome Mieloproliferativa Cronica, Mieloma Multiplo, Leucemia Linfatica Cronica, Tumori del Polmone, Melanoma, Carcinoma a cellule renali RCC, Carcinoma della mammella, Sarcoma tessuti molli, Epatocarcinoma HCC, Carcinoma della tiroide, Carcinoma ovarico BRCA 2 mutato e Carcinoma del pancreas BRCA 2 mutato.

Un servizio che registra la collaborazione di diverse strutture sanitarie aziendali che sono riuscite a fare sintesi che evidenzia una sensibilità particolare rivolta ai cittadini, soprattutto a quelli più fragili. Un servizio che permette di evitare gli spostamenti e affrontare situazioni di rischio potenziali, soprattutto in questo periodo di emergenza da Covid-19.

Un lavoro di squadra, non c’è dubbio, che vede la collaborazione dell’UOS di Ematologia, direttore dr. Sergio Cabibbo, con tutto il personale medico e infermieristico, l’UOC di Oncologia, direttore dr. Stefano Cordio, anche qui, con il personale medico e infermieristico e naturalmente, la Farmacia ospedaliera e le ditte farmaceutiche coinvolte.

«Il servizio che verrà garantito – chiarisce il dr. Cabibbo – segue una procedura ben dettagliata delle azioni che vanno compiute dal momento del rilascio del piano terapeutico, dopo che l’ematologo e l’oncologo hanno provveduto alla prescrizione, fino alla consegna del farmaco al domicilio del paziente.»

«Siamo molto soddisfatti di questo nuovo servizio, sottolinea il direttore generale, Angelo Aliquò – che viene incontro alle necessità di cura delle persone più fragili, soprattutto, in un periodo così delicato come quello che stiamo vivendo a causa dell’emergenza sanitaria.»

Nella foto:  a sinistra Sergio Cabibbo con l’equipe medica.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.