ASP e Ospedali

La protesta

Asp di Palermo, tre sindacati: «Precari Covid doppiamente penalizzati»

Secondo Fials, Fvm e Anaao Assomed i criteri per le assunzioni penalizzerebbero i lavoratori in attesa di stabilizzazione privilegiando invece le procedure concorsuali e la mobilità.

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. «Doppia beffa per i precari covid dell’Asp di Palermo». Lo affermano i sindacati Fials, Fvm e Anaao Assomed, secondo i quali i criteri per l’assunzione del personale penalizzerebbero i lavoratori in attesa di stabilizzazione privilegiando invece le procedure concorsuali e la mobilità. Inoltre le ultime disposizioni ammettono alle procedure anche il personale non in servizio all’Asp, ampliando dunque la platea.

«Appare opportuno sottolineare- scrivono i sindacalisti Giuseppe Forte, Danilo Panci e Antonino Lo Cicero– che, secondo le normative vigenti in materia, deve essere data priorità alle procedure per la stabilizzazione, tenuto conto della riserva del 50% dei posti e considerata anche la massa finanziaria destinata proprio alle procedure assunzionali del personale precario».

E ancora, i sindacati spiegano che «l’ampliamento della platea di lavoratori che può accedere alla procedura di stabilizzazione penalizza di fatto il personale precario che ha prestato o che presta servizio presso codesta azienda e che rischia quindi di rimanere escluso dalla graduatoria che si determinerà in esito al bando medesimo».

I sindacati portano quindi come esempio il censimento pubblicato al Policlinico di Palermo secondo i giusti criteri proposti, per definire il piano del fabbisogno: «Esprimiamo pieno apprezzamento per l’atto di ricognizione proposto dal manager del Policlinico, Salvatore Iacolino, che traccia un percorso chiaro che ci auguriamo le altre aziende possano seguire».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche