Corleone memoria

ASP e Ospedali

L'allarme

Asp di Palermo, i sindacati: «Grave carenza di medici negli ospedali»

"Da Partinico a Corleone passando per Termini e Petralia risultano sguarniti diversi reparti con disagi all'utenza".

Tempo di lettura: 3 minuti

Grave carenza di personale medico negli ospedali dell’Asp di Palermo. Da Partinico a Corleone passando per Termini e Petralia, sta costringendo i camici bianchi a rinunciare alle ferie e nonostante ciò risultano sguarniti diversi reparti con gravi disagi all’utenza. Lo denunciano i sindacati Aaroi-Emac, Anaao-Assomed, Cgil Medici, Cimo Fesmed, Cisl Medici, Fials, Fvm e Uil Medici.

All’ospedale di Corleone “permane la grave carenza di medici pediatri, rimasti soltanto in due per coprire tutti i turni diurni feriali mentre per le notti e per i festivi è stata attivata la reperibilità sostitutiva. A Partinico soltanto un pediatra è rimasto in servizio presso l’ospedale di Partinico e di fatto per i numerosi turni mensili scoperti, il punto nascita e l’area di emergenza sono privi di questo specialista, che deve pure fruire delle ferie estive».

E ancora, «grave la carenza di medici di pronto soccorso in tutti i presidi ospedalieri dell’Asp, dall’Ingrassia di Palermo al Cimino di Termini Imerese, da quello dei Bianchi di Corleone al Madonna dell’Alto di Petralia. All’ospedale di Partinico, i turni di guardia di pronto soccorso sono spesso coperti da medici di altre specialità determinando sovraccarico lavorativo e gravi disagi nelle unità operative di appartenenza. Grave carenza di medici anche in Ostetrica-Ginecologia dell’Ingrassia dove assicurano i turni notturni soltanto sei unità con difficoltà a mantenere attivi gli ambulatori e continue richieste di rinuncia alle ferie estive. Mancano anche 22 medici anestesisti rispetto alla pianta organica con numerosi turni ordinari da coprire sui presidi disagiati».

Inoltre i sindacati denunciano carenze di medici radiologi nonostante una graduatoria valida da poter utilizzare per le assunzioni: «Da più di un anno, all’ospedale di Corleone, un solo medico radiologo in organico che può assicurare la copertura di alcuni turni mattutini mentre numerosi turni diurni e notturni sono privi del medico di guardia o reperibile e gli esami di emergenza/urgenza sono affidati alla “telerefertazione” sostitutiva, metodica che mette a rischio la salute dei cittadini ed espone i medici che la utilizzano a rischi medico-legali per la mancata copertura assicurativa».

Numerose carenze di medici radiologi si registrano anche negli ospedali Ingrassia di Palermo, di Termini Imerese, di Petralia e di Villa delle Ginestre «con sovraccarico lavorativo per i medici in servizio che non possono fruire delle ferie estive come previsto da contratto e vengono anche inviati in mobilità d’urgenza per coprire i turni scoperti su presidi distanti e disagiati, mentre le prestazioni di radiologia, da diversi anni sono notevolmente contratte, con ridottissimo utilizzo delle macchine pesanti, soprattutto delle quattro risonanze magnetiche, con costi onerosi e gravi disagi all’utenza».

«Il grave fardello – concludono i sindacati – dopo due anni di emergenza, ricade ancora una volta sugli operatori sanitari in prima linea con gravi ripercussioni sulla qualità dell’assistenza agli utenti ed esposizione a rischio clinico degli operatori costretti a turni massacranti in violazione delle normative contrattuali».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche