Faraoni Asp Palermo mammografie domenica concorsi

Asp di Palermo, Faraoni replica alla Fials: «Il nostro obiettivo è stabilizzare i precari»

12 Aprile 2019

Il commissario straordinario sottolinea: «Nessuno di loro sarà abbandonato. I mutamenti sulla dotazione organica sono provvisori, per consentire il mantenimento di questi lavoratori e prorogare loro i contratti nelle more di una soluzione diversa».

 

di

PALERMO. «I mutamenti effettuati alla fine dell’anno sulla dotazione organica sono stati provvisori ed assunti con senso di grande responsabilità per consentire il mantenimento di questi lavoratori e prorogare loro i contratti nelle more di una soluzione diversa, adeguata alle necessità aziendali che non si poteva effettuare negli ultimi 10 giorni dell’anno a disposizione e per di più festivi».

Lo afferma il commissario straordinario dell’Asp di Palermo, Daniela Faraoni (nella foto), replicando alle accuse lanciate dalla Fials-Confsal sulla cancellazione di oltre 500 posti di coadiutore amministrativo dal piano del fabbisogno.

Dall’Asp sottolineano: «Se non si fossero avviate tali procedure i contrattisti non avrebbero potuto avere la proroga. Con senso di grande partecipazione le misure proposte e celermente condivise dall’Assessorato sono state adottate in regime di provvisorietà rilevata nei verbali delle riunioni sindacali, nella delibera e nei documenti dell’assessorato».

Daniela Faraoni aggiunge: «Utilizzare oggi la normale conseguente attività come notizia di soppressione di 500 posti di coadiutore amministrativo è il tentativo che si sta mettendo in atto per strumentalizzare un’attività amministrativa, al fine di evitare che le procedure vadano a buon fine. È il tentativo di lasciare tutto com’è. E soprattutto affinché i rapporti di questi lavoratori restino precari il più tempo possibile. La stabilizzazione libererà queste persone da uno stato di criticità. Ed è quanto meno assurdo, che si tenti di impedire un percorso ormai avviato e condiviso anche da una buona parte degli stessi lavoratori interessati, ai quali offro tutta l’attenzione della Direzione che continuerà a difendere e tutelare anche contro il tentativo maldestro di alcuni di tenerli sottomessi a logiche che non potranno portare nulla di positivo».

Infine, il commissario straordinario sottolinea: «Chi in questo momento ha deciso di fare “guerra” non ha nulla da perdere. I lavoratori possono perdere la tranquillità del loro futuro. È paradossale che l’azienda avvii le procedure per stabilizzare secondo principi di buona amministrazione e un sindacato tenti di fermare tutto. Qualche domanda ce la dobbiamo porre, tutti. Occorre riflettere su questo. Ai lavoratori chiedo fiducia: nessuno di loro sarà abbandonato. Di contro fermarsi significa perdere ancora una volta una opportunità».

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV