ASP e Ospedali

L'intervista video

Asp di Palermo, Faraoni: «Più figure intermedie altamente qualificate e meno dirigenti»

Il direttore generale illustra ad Insanitas la metodologia alla base della nuova dotazione organica e l'iter di stabilizzazione dei contrattisti precari.

Tempo di lettura: 1 minuto

PALERMO. «La nuova dotazione organica diminuisce i dirigenti e amplia la presenza delle figure intermedie altamente qualificate, ad esempio terapisti della riabilitazione psichiatrica ed educatori sanitari. Una metodologia che tiene conto del fatto che le Università hanno formato e immesso nel mercato del lavoro queste tipologie di figure, in grado di potere affrontare con successo il lavoro di prevenzione, cura e riabilitazione».

Lo afferma Daniela Faraoni, direttore generale dell’Asp di Palermo, aggiungendo:  «È prevista pure la figura dell’infermiere di famiglia, che rivoluzionerà l’organizzazione sanitaria di questa regione ed è emblema di una Sanità che modifica il proprio baricentro, andando incontro al paziente nella propria abitazione o comunque in prossimità».

Per quanto riguarda la stabilizzazione di 645 contrattisti, l’iter è in fase di completamento e 54 tra loro verranno assorbiti da Villa Sofia-Cervello e dal Policlinico “Giaccone”: «Una chiara modalità di collaborazione», sottolinea la Faraoni. CLICCA QUI per visionare l’intervista video di Insanitas.

 

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche