vigilanza armata

Asp di Messina, dal 16 settembre al via la vigilanza armata nei Pronto soccorso

27 Agosto 2019

L'annuncio della direzione strategica per gli ospedali di Taormina, Milazzo, Barcellona, Patti e Sant' Agata di Militello. Il servizio è stato affidato fino al 15 ottobre 2019 alla ditta KSM.

 

di

MESSINA. Dal 16 settembre la direzione strategica dell’ASP di Messina, preso atto dei gravi episodi di violenza subiti dal personale medico, infermieristico e di supporto, ha deciso di impiegare la vigilanza armata 24 ore su 24 presso i pronto soccorso degli ospedali di Taormina, Milazzo, Barcellona, Patti e Sant’Agata di Militello.

«Nonostante le difficoltà economiche- dice il direttore generale Paolo La Paglia– dopo avere disposto l’installazione della video sorveglianza in tutti i Pronto Soccorso, siamo riusciti a trovare nelle pieghe del bilancio anche la somma necessaria, occorrente per i restanti mesi del 2019, per mettere in sicurezza i pronto soccorso maggiori della nostra area metropolitana e tutelare il personale sanitario, sempre più frequentemente oggetto di vili aggressioni. Abbiamo utilizzato i criteri previsti dai decreti assessoriali n.1584/2018 e 9348/2019 voluti dall’Assessore Ruggero Razza per migliorare la gestione e l’accoglienza».

Il servizio è stato affidato nel rispetto delle procedure di legge, per il periodo 16 settembre- 15 ottobre 2019 alla KSM, estendo un contratto di cui la ditta era già aggiudicataria, nelle more della definizione della procedura di gara centralizzata e della indicenda procedura di gara aziendale.

Nella foto i vertici dell’Asp di Messina: Catena Di Blasi (direttore amministrativo), Paolo La Paglia (direttore generale) e Domenico Sindoni (direttore sanitario).

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV