Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

ASP e Ospedali

La riunione dell'Unità di Crisi

Asp di Enna, in arrivo un’area Covid all’ospedale di Piazza Armerina

I componenti dell'Unità di Crisi, alla presenza del Direttore Generale Francesco Iudica, si sono riuniti per adottare specifici provvedimenti in riferimento all'evoluzione della pandemia.

Tempo di lettura: 2 minuti

I componenti dell’Unità di Crisi per l’epidemia COVID19 dell’ASP di Enna, alla presenza del Direttore Generale Francesco Iudica, si sono riuniti presso la Direzione dell’Ospedale Umberto I per fare il punto della situazione e adottare specifici provvedimenti in riferimento all’evoluzione della pandemia.

Espresso preliminarmente cordoglio profondo per i deceduti, due solo nella giornata di ieri, 9 novembre, segnata dalla scomparsa del dott. Cataldo Marco Zaffora, ricoverato nell’area Covid dal 1° novembre, 66, prestava servizio presso l’Ospedale Umberto I di Enna.

Prosegue la riconversione dei posti letto ordinari in posti letto COVID come da cronoprogramma regionale che prevede 70 posti letto presso l’Ospedale Umberto I e ulteriori 70 nell’ambito delle strutture ospedaliere appartenenti all’ASP di Enna.

Avviata, dunque, la macchina organizzativa per riconvertire i posti letto presso l’Ospedale Michele Chiello di Piazza Armerina dove sono già in itinere le procedure per realizzare l’area COVID, a bassa e media intensità, con un governo unitario aziendale nella gestione dell’assistenza.

L’andamento della curva epidemiologica, tenuta sotto osservazione costantemente dall’Unità di Crisi Aziendale, detterà tempi e modalità per giungere al numero programmato presso il Chiello. Nel frattempo, si stanno acquistando, tra l’altro, i sistemi di sanificazione per le strutture e nuovi 100 letti da utilizzare nei reparti ospedalieri di Piazza Armerina e Nicosia.

I numeri dei ricoveri presso i reparti COVID dell’Ospedale Umberto I di Enna registrano oggi 53 pazienti presso l’area delle Malattie Infettive, 2 ricoveri in Terapia Intensiva, 2 pazienti nel reparto COVID dell’Ostetricia.

«È bene rimarcare che le attività ordinarie non COVID non sono state sospese, comprese le attività chirurgiche che continuano a essere garantite», è stato ribadito più volte nel corso della riunione.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati