salute mentale

Asp di Enna, a Nicosia potenziato il Centro Salute Mentale

4 Aprile 2019

Realizzato il Centro di Aggregazione gestito dalla Cooperativa “Sociale Solidarietà Erbitense”. Sono stati attivati laboratori di danza, ceramica, giardinaggio e quest’anno, in modo esperienziale, un Laboratorio di Fotografia.

 

di

L’attività dei PAL (Piani di Azione Locale), organizzata dal Dipartimento Salute Mentale diretto da Giuseppe Cuccì, ha concluso l’anno di progettualità prevista per il 2018-2019.

In seguito a quanto programmato, il Centro Salute Mentale di Nicosia, diretto da Carmela Murè, ha realizzato il Centro di Aggregazione gestito dalla Cooperativa “Sociale Solidarietà Erbitense”, presidente Barbara Lo Votrico e con il coordinamento di Mary Zingale; all’interno del centro, sono stati attivati laboratori di danza, ceramica, giardinaggio e quest’anno, in modo esperienziale, un Laboratorio di Fotografia.

Tutti i progetti sono stati elaborati all’interno dell’equipe del CSM con la fattiva collaborazione di Teresa Gugliuzza, Luigi Bonelli, Lina Gulino, Angelo Raspanti, capo sala Mariano Maggio il supporto amministrativo di Lino Di Franco.

Nell’ambito del progetto di fotografia, gli utenti, attraverso l’apprendimento delle tecniche fotografiche di base, hanno raccontato se stessi e il mondo in cui vivono e lavorano, imparando a conoscersi e a rappresentarsi attraverso le immagini.

L’avvicinamento alla fotografia è stato effettuato attraverso un lavoro preliminare sull’inquadratura: gli utenti hanno simulato l’inquadratura fotografica applicando il concetto di “scelta” a immagini cartacee, selezionando paesaggi, oggetti di varia natura e appartenenti a diverse sfere della vita di ogni giorno; in questa attività, sono stati seguiti in modo mirabile per la scelta artistica da maestro Salvatore Tamburello.

La metodologia di lavoro seguita è stata molto gradita dagli utenti.  Con le foto scattate, di dimensione 20 x 30, sono stati realizzati dei quadri; all’interno del laboratorio di ceramica, gestito dal Maestro Salvatore Tamburello, sono state realizzate le cornici, da regalare ai pazienti ricoverati nelle case di riposo in modo da permettere loro di continuare a vedere il paese ed i luoghi della memoria, realizzando così un rapporto di auto-mutuo aiuto tra i nostri utenti e gli anziani ricoverati e sperimentando il piacere del “Saper donare agli altri” un piccola parte di noi.

Il laboratorio di fotografia ha chiuso così un anno di attività ricco di molteplici esperienze condivise con gli altri; il lavoro di gruppo che ha portato alla realizzazione del Presepe ne è stato un esempio.

Le foto verranno consegnate dagli utenti e dagli operatori il 12 Aprile alle ore 10 alle tre case di riposo: Casa di Riposo Barone di Falco; Casa di Riposo Fra Felice e Casa di Riposo Cuore, alla presenza del Direttore di Dipartimento Giuseppe Cuccì.

“Un grazie va anche ai Responsabili delle Case di Riposo, Nicola Mazza, Tony Di Bella e Rita Ingarao, che hanno accettato di condividere con tutti noi il lavoro svolto, ma soprattutto a tutti gli utenti che hanno partecipato ai laboratori nella realizzazione dei vari manufatti e per essersi fatti coinvolgere”, dichiara Carmela Murè.

“L’attività dei PAL 2019-2020 è ricominciata e ci attende un altro anno pieno di attività e di condivisione” conclude il dr. Giuseppe Cuccì.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV