ASP e Ospedali

La Buona Sanità

Asp di Catania, sportello di supporto psico-sociale per i pazienti oncologici

Attivato presso l’UOC di Oncologia dell'ospedale di Caltagirone: aperto al pubblico il mercoledì e il venerdì, dalle ore 10 alle 11 (telefono 0933.39550).

Tempo di lettura: 3 minuti

CATANIA. Presentato presso l’aula multimediale dell’Edificio “Clementi” dell’ospedale “Gravina” di Caltagirone lo Sportello di Supporto psico-sociale, attivato presso l’UOC di Oncologia del nosocomio calatino. All’incontro, introdotto dal direttore dell’UOC di Oncologia, Carmelo Giannitto, e moderato dall’assistente sociale Mariella Palazzo, hanno partecipato direttori e operatori delle Unità Operative e dei Servizi ospedalieri e territoriali, i referenti delle Associazioni per le cure domiciliari del Distretto sanitario di Caltagirone e i volontari.

«Abbiamo investito – afferma il direttore generale dell’Asp di Catania, Maurizio Lanza – risorse e energie per il potenziamento tecnologico e strutturale di questo reparto che rappresenta un punto di riferimento e una eccellenza del territorio. Con le nuove azioni intraprese aggiungiamo ancora valore ai servizi per offrire una risposta sanitaria di sempre più alto livello».

Lo Sportello di Supporto psico-sociale, allocato al 3° piano, stanza n. 100, dell’Edificio “Clementi, è aperto al pubblico il mercoledì e il venerdì, dalle ore 10.00 alle ore 11.00 (telefono 0933.39550).

La sua attivazione si colloca nell’ambito del Progetto “Reti Oncologiche”, finanziato dalla Regione Siciliana, con fondi di PSN, con l’obiettivo di assicurare alle persone malate di patologie neoplastiche e alle loro famiglie una migliore qualità di assistenza in tutte le fasi delle cure.

«Siamo convinti che la qualificazione dei percorsi di cura per la gestione dei malati oncologici- spiega il direttore sanitario dell’Asp di Catania, Antonino Rapisarda– venga migliorata da una funzionale integrazione tra le attività di screening, cliniche, di assistenza, di ricerca e di umanizzazione».

«Il nostro obiettivo- aggiunge Giannitto- è di offrire una risposta multidisciplinare, di alta qualità, ai bisogni assistenziali del paziente oncologico, a partire dalla fase di accertamento e conferma diagnostica, fino alla definizione del piano terapeutico riabilitativo e ai successivi controlli. In questa cornice lo Sportello svolge un ruolo centrale in tutti i percorsi di accoglienza e di umanizzazione rivolti non solo ai nostri pazienti, ma anche alle loro famiglie».

Grazie a una equipe multidisciplinare, formata dalla psicologa Valentina Costantino, e dall’assistente sociale Ina Romano, lo Sportello di Supporto psico-sociale assicura colloqui psicologici, sedute di psicoterapia individuale, supporto, consulenza e orientamento sociale per l’accesso alle prestazioni e ai servizi socio-sanitari integrati. Prevista anche la creazione di gruppi di auto-mutuo aiuto.

Il Progetto “Reti Oncologiche” si articola, inoltre, in una pluralità di azioni e interventi che puntano a implementare il coordinamento della Rete Oncologica regionale con indirizzi strategici volti alla realizzazione di sinergie clinico-assistenziali, di formazione e di ricerca.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche