Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
prenotazione on line

ASP e Ospedali

I dettagli

Asp di Catania, oltre 100 posti letto per guariti dal Coronavirus ma ancora contagiosi

Per garantire continuità assistenziale a pazienti, dimessi dagli Ospedali, che necessitano di un periodo di quarantena perchè ancora con tampone positivo.

Tempo di lettura: 4 minuti

CATANIA. Sono oltre cento i posti letto per pazienti Covid-19 guariti clinicamente, ma con tampone ancora positivo, che l’Asp di Catania ha individuato sul territorio provinciale. Grazie a questa rete verrà garantita continuità assistenziale a pazienti, dimessi dagli Ospedali, che necessitano di un periodo di quarantena, perché ancora contagiosi, ma che non possono rientrare a domicilio.

I posti letto. Convenzionata anche una RSA

Attualmente sono 18 i posti letto attivi presso il Villaggio “Madonna degli Ulivi” di Viagrande. A questi, dalle ore 12.00 di domani, domenica 11 ottobre, si aggiungono altri 20 posti presso il King House di Fondachello (Mascali).

Ulteriori 14 posti saranno disponibili entro la fine della prossima settimana sempre nella struttura di Viagrande, mentre sono 54 i posti letto individuati presso la RSA Arka di Catania e che saranno attivati nei prossimi giorni.

«Abbiamo risposto all’invito dell’Assessorato regionale alla Salute, guidato da Ruggero Razza- spiega Maurizio Lanza (nella foto), direttore generale dell’Asp di Catania- aumentando il numero dei posti letto per pazienti Covid presso le strutture alberghiere disponibili e reperendo ulteriori 54 posti letto presso la RSA Arka. Questo aiuterà a fornire una migliore e più efficiente risposta sanitaria, decongestionando le strutture ospedaliere e garantendo un profilo assistenziale adeguato a pazienti che non necessitano più di un ricovero ospedaliero, ma che non possono rientrare a casa. Sulla base dell’andamento epidemiologico siamo pronti ad incrementare questa rete assistenziale rendendo operative ulteriori convenzioni e prevedendo ulteriori posti letto».

Le “strutture collettive di assistenza”. Cosa sono e a cosa servono

Le “strutture collettive di assistenza” per pazienti positivi al Covid-19, guariti clinicamente ma non ancora negativizzati, garantiscono l’isolamento di:
pazienti paucisintomatici, senza necessità di ricovero;
pazienti appena positivizzati al tampone;
pazienti dimessi dagli ospedali in condizioni stabili, ma ancora positivi;
pazienti in assenza di tampone per i quali è stata individuata la necessità clinica di un periodo di quarantena.

L’attivazione di questi servizi presso le strutture di Viagrande e Fondachello fa seguito a specifiche convenzioni con l’Asp di Catania nella cornice delle misure disposte dal Presidente della Regione Siciliana per la gestione e il contenimento dell’emergenza pandemica sul territorio regionale.

La RSA Arka è stata, invece, individuata facendo seguito a una precisa disposizione del Dipartimento per la Pianificazione Strategica dell’Assessorato regionale della Salute rivolta a tutte le Aziende sanitarie regionali, e accogliendo la disponibilità della struttura stessa.

«Ringrazio i titolari delle strutture- aggiunge il direttore amministrativo, Giuseppe Di Bella– per la disponibilità espressa che ci dà l’opportunità di realizzare il progetto assistenziale di questo tipo di servizio che prevede, oltre l’organizzazione sanitaria, anche l’erogazione dei servizi alberghieri, in modo da rispondere concretamente ai bisogni dei pazienti e aiutare le famiglie».

L’organizzazione assistenziale e operativa

Le equipe che prestano servizio in queste strutture sono composte da medici, infermieri e ausiliari. Gli interventi sono coordinati da Mario Raspagliesi, infettivologo dell’AO “Cannizzaro” in comando presso l’Asp di Catania per l’emergenza Covid-19.

«Recuperiamo e mettiamo a frutto, con nuova consapevolezza, la grande esperienza che abbiamo maturato sul campo nella cosiddetta fase 1- aggiunge il direttore sanitario, Antonino Rapisarda– In linea con le indicazioni assessoriali stiamo anticipando numerose scelte organizzative. Ai cittadini rinnovo l’appello a seguire le regole per prevenire i contagi. Ricordo sempre di indossare la mascherina, lavare spesso le mani e mantenere una distanza interpersonale di almeno un metro».

Secondo le convenzioni approvate dall’Asp di Catania, le strutture metteranno a disposizione le camere preventivamente sanificate, dotate di adeguati comfort e provviste di aperture su spazi verdi, che saranno destinate a uso singolo. Sono stati, inoltre, individuati accessi e percorsi separati per garantire i massimi livelli di sicurezza.

La sanificazione delle camere e degli ambienti delle strutture, i servizi alberghieri (ad eccezione di quelli opzionali), la fornitura dei DPI (dispositivi di protezione individuale) alle persone ospitate e al personale operante e tutto ciò che sarà ritenuto utile al fine della tutela della salute dei degenti e del personale a qualunque titolo coinvolto nella gestione della struttura, saranno garantiti dall’Asp di Catania.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati