Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
agata consoli fials catania

ASP e Ospedali

La denuncia

Asp di Catania, la Fials: «Indennità per i vaccinatori bloccate da gennaio»

Il sindacato chiede all'assessorato regionale della Salute di intervenire.

Tempo di lettura: 2 minuti

CATANIA. «Indennità per le vaccinazioni bloccate da gennaio all’Asp di Catania». Lo denuncia la  Fials guidata da Agata Consoli (nella foto) che in una nota all’azienda ricorda di avere «più volte rivendicato, verbalmente e per iscritto, senza alcun riscontro, il mancato pagamento sin dal mese di gennaio della retribuzione sulla base delle ore rese in attività extra istituzionale e derivanti da progetti e prestazioni aggiuntive e quant’altro nei confronti degli operatori sanitari impegnati nell’emergenza Covid. Tale comportamento da parte dell’Asp di Catania è inaccettabile». Si tratta di indennità arretrate che possono arrivare anche a svariate migliaia di euro a lavoratore.

“Nell’ottica di gestire la pandemia– scrive Consoli- da un lato si chiede ai lavoratori preposti un ulteriore sacrificio, autorizzando lo svolgimento di prestazioni al di fuori dell’orario istituzionale, di contro non solo ad oggi l’Asp non ha mantenuto gli impegni in termini di corresponsione, ma è sorda a qualsivoglia richiesta di ragguaglio da parte nostra sulle motivazioni che stanno determinando la mancata retribuzione delle ore in più lavorate, da parte dei dipendenti».

La Fials chiede all’assessorato regionale della Salute di intervenire «affinché l’Asp di Catania possa dare dignità agli operatori sanitari impegnati nell’emergenza covid, invitandola a  corrispondere quanto dovuto». La Fials evidenzia un altro disagio, spiegando che «da quando questa liquidazione è passata da progetto a prestazione aggiuntiva, è stata tolta la figura degli Oss che era un validissimo aiuto di supporto a infermieri e medici».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati