Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
coronavirus

ASP e Ospedali

La nota di Fsi-Usae

Asp di Catania, incentivi Covid a infermieri e personale aziendale nella busta paga di aprile

Via libera al pagamento della prima tranche del bonus, a comunicarlo sono Maurizio Cirignotta e Salvatore Bellia, dirigenti sindacali.

Tempo di lettura: 3 minuti

«L’Asp Catania dà via libera al pagamento della prima tranche del bonus Covid a infermieri e personale aziendale per le condizioni di lavoro come riconoscimento concreto e tangibile dell’impegno di questi mesi nella lotta al Covid-19». A comunicarlo sono Maurizio Cirignotta e Salvatore Bellia, dirigenti sindacali Fsi-Usae, a seguito dell’accordo sottoscritto tra il direttore generale Maurizio Lanza, il direttore sanitario Antonino Rapisarda e il direttore amministrativo Giuseppe Di Bella e le Organizzazioni Sindacali del Comparto. La notizia è stata formalizzata dall’azienda con nota del 10 marzo, il bonus Covid verrà erogato con lo stipendio del mese di aprile a tutti i dipendenti del Comparto.

«D’intesa tra parte pubblica e sindacale- proseguono Cirignotta e Bellia- i premi sono stati parametrati e distribuiti in proporzione in tre fasce di rischio, “alta, media e bassa intensità”, a seconda della maggiore esposizione al Covid-19 e di conseguenza alla maggiore possibilità di restare contagiati. Sulla base dei criteri concordati in sede di aziendale, ai dipendenti del Comparto aventi diritto saranno erogate le somme previste sulla base della presenza in servizio nel periodo che va dal 14 marzo 2020 al 13 maggio 2020, in base all’appartenenza alle fasce: alta intensità (fino a 45 euro per turno fino a mille euro), media intensità (fino a 35 euro per turno fino a 600 euro) e bassa intensità (fino a 15 euro per turno fino a 200 euro)».

«La competenza, la passione, la professionalità e l’umanità dimostrate dal personale dell’azienda- sottolineano Cirignotta e Bellia- sono valori indelebili, grazie ai quali molti pazienti sono stati assistiti e curati, anche nei momenti più difficili e complicati dell’emergenza. Un riconoscimento economico necessario per il lavoro straordinario e per quello che stanno facendo ogni giorno in prima linea per fronteggiare l’ emergenza sanitaria Covid-19».

«Le somme stanziate dai decreti del governo nazionale finalizzate alla premialità per il personale coinvolto nell’ emergenza Covid sono state erogate in più fasi dalla Regione, la prima quota del 15% nel mese di giugno 2020, la seconda quota restante, nel mese di dicembre 2020, e sono state definitivamente assegnate alle singole Aziende. Dopo un lungo iter che ha visto impegnate le Organizzazioni Sindacali firmatarie del contratto, sia in sede regionale sottoscrivendo un protocollo con l’Assessore regionale alla Salute Ruggero Razza che in sede Aziendale».

«La Fsi-Usae nel manifestare la propria soddisfazione per il tangibile obiettivo raggiunto a vantaggio di tutti i dipendenti dell’Asp Ct, sottolinea l’assoluta professionalità dimostrata a curare con precisione e competenza le relazioni sindacali dal dott. Santo Messina Direttore U.O.C. Stato Giuridico, Programmazione acquisizione Risorse Umane e Relazioni Sindacali».

«Nella trattativa regionale la Fsi-Usae Sicilia intraprenderà iniziative per trovare un giusto premio da assegnare anche al personale della sanità privata, per gli operatori dipendenti delle ditte esternalizzate alle aziende sanitarie e ospedaliere e per coloro che sono stati assunti con contratti co.co.co., tutti hanno rischiato e rischiano la vita alla medesima maniera, una grande discriminazione generata dal governo nazionale», conclude Calogero Coniglio Segretario Regionale e Territoriale Catania Fsi-Usae.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati