Asp di Caltanissetta, potenziati sanificazione e bio-contenimento per mezzi e operatori

18 Gennaio 2021

Il direttore generale Caltagirone: «L'obiettivo è stato raggiunto grazie a specifici centri realizzati nei presidi ospedalieri di Caltanissetta e Gela, dotati di tunnel mobili e sistemi di nebulizzazione».

 

di

Sono state potenziate le misure di contrasto e contenimento dell’emergenza Covid-19 all’Asp di Caltanissetta attraverso un innovativo processo di sanificazione e bio-contenimento dei mezzi e degli operatori. L’obiettivo è stato raggiunto grazie alla realizzazione di specifici centri di sanificazione realizzati presso i presidi ospedalieri di Caltanissetta e Gela, sedi di reparti dedicati alla diagnosi e degenza per pazienti affetti da SARS-CoV-2, tra cui le terapie intensive dedicate.

«I centri sono stati dotati di tunnel mobili e di sistemi di nebulizzazione per sostanze sanificanti. Tale soluzione tecnica detta “a saturazione ambientale”, consente una efficace bio-decontaminazione determinata dalla capacità permeante della sostanza nebulizzata che può così raggiungere tutte le superfici, anche le più nascoste, senza arrecare danni a cose, come gli elettromedicali e le attrezzature presenti sui mezzi ed alle persone essendo adoperata a bassissime concentrazioni- spiega Alessandro Caltagirone, direttore generale dell’Asp di Caltanissetta- Tale operazione si conclude in appena 5/7 minuti a fronte dei 45/60 finora necessari con la tecnica ad ozono; questa caratteristica abbatte il tempo di fermo tecnico dei mezzi di soccorso incidendo positivamente sulla efficienza del sistema emergenza/urgenza».

L’innovazione tecnologica e organizzativa disposta a tutela dei lavoratori e della popolazione investe tutti i mezzi impegnati nella emergenza sanitaria e nei trasporti aziendali. Inoltre, sono stati installati anche i sistemi di sanificazione dedicati al personale sanitario. «Si tratta, anche in questo caso, di tunnel mobili che erogano il principio attivo attraverso la nebulizzazione- precisa Caltagirone- Un rapido passaggio, di appena 5 secondi, consente di abbattere la carica batterica e virale eventualmente presente sui Dispositivi di Protezione indossati e permette che le operazioni di svestizione avvengano in totale sicurezza».

Il centro di igenizzazione è stato completato con l’installazione di un box di bio-contenimento presso il presidio di Gela, composto da un’area svestizione, area servizi sanitari, docce e spogliatoio. La struttura, attigua al “Pronto Soccorso Infettivologico” è utilizzata degli operatori impegnati nella emergenza/urgenza, nei trasporti interni dei degenti e nei servizi territoriali come le USCA. Analoga struttura a servizio dell’Area Nord è stata realizzata anche nel centro di sanificazione della ex RSA di Caltanissetta.

Il direttore generale dell’Asp di Caltanissetta conclude: «La nostra realizzazione è unica in Sicilia ed abbiamo inviato il documento in Regione affinché fosse distribuito come “best practice”».

  • 1/4

  • 2/4

  • 3/4

  • 4/4

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV