Asp di Caltanissetta, ecco il nuovo atto aziendale con tutte le novità

21 Settembre 2019

Incontro tra i vertici dell'Asp ed i sindaci della provincia nissena per l'ultimo confronto prima del parere di questi ultimi, che è stato positivo.

 

di

CALTANISSETTA. Incontro tra i vertici dell’ASP ed i sindaci della provincia nissena nell’aula consiliare di Palazzo del Carmine, per l’ultimo confronto prima del parere, richiesto a quest’ultimi, in merito all’adeguamento dell’atto aziendale al documento di riordino della rete ospedaliera, approvato con Decreto Assessoriale n. 22 del 11 gennaio scorso.

Il nuovo documento aziendale si rendeva necessario, così come per tutte le aziende sanitarie siciliane, per consentire un processo di rifunzionalizzazione e riorganizzazione di tutte le attività in coerenza con il citato decreto di programmazione regionale.

L’atto era già stato presentato la scorsa settimana dal management dell’ASP che, dopo una ampia descrizione dei contenuti ed una dettagliata descrizione degli elementi di novità, ha provveduto a consegnarne copia ai componenti della conferenza, onde consentire a questi un approfondimento puntuale dello stesso.

Il documento di riorganizzazione aziendale è stato redatto dopo una accurata analisi della domanda assistenziale e a seguito della valutazione delle criticità esistenti. Pertanto, nei contenuti si riscontrano numerose iniziative, finalizzate tra l’altro a correggere il tiro sui disservizi presenti, che che consentiranno di governare in modo costante e puntuale i processi di funzionamento dell’intera azienda sanitaria.

Il Direttore Generale Alessandro Caltagirone ha dichiarato che «sin dalle prime battute Sindaci e Management dell’ASP hanno convenuto che, per la redazione del nuovo documento di programmazione, risultava necessario partire dai bisogni del paziente ed analizzare in modo capillare le difficoltà che lo stesso incontra per l’accesso ai servizi sanitari».

Con tale consapevolezza sono state svariate le iniziative di riorganizzazione con l’obiettivo di anticipare il verificarsi di criticità nell’erogazione dei servizi, intercettando i bisogni dell’utente.

Nella foto di archivio in alto: Marcella Santino, Alessandro Caltagirone e Pietro Genovese.

Lo stesso manager  aggiunge: «Nel documento di programmazione sono presenti numerose unità a supporto del management che vanno dal controllo di gestione, alla Ricerca Sanitaria, dal management dei servizi alberghieri, alla gestione delle liste di attesa ed ai centri di prenotazione, dall’appropriatezza e qualità dell’assistenza al governo di donazione sangue, midollo ed ai trapianti».

Seppure il presente documento mantenga la base dei precedenti atti aziendali, in aderenza alle normative e Direttive Assessoriali sopra indicate, di fatto esso introduce importanti elementi di novità, sia dal punto di vista strutturale che organizzativo, che rispecchiano lo spirito innovativo delle Linee-Guida, di cui al D.A. n. 1675 del 31 Luglio 2019.

Il Direttore Generale continua affermando che «gli approfondimenti fatti durante la redazione del documento con il direttore sanitario Marcella Santino, con il direttore amministrativo Pietro Genovese e con i più stretti collaboratori, hanno avuto l’obiettivo principe di dare agli utenti continuità nelle cure, attraverso percorsi che vanno dall’acuzie alla cronicità e per far ciò era indispensabile stimolare, con elementi di novità, le sinergie tra ospedali e territorio con un governo unico di tipo dipartimentale».

Nascono e si rafforzano così alcuni servizi:

Coordinamento delle Sale Operatorie
Gestione delle Liste di attesa
Appropriatezza e Qualità dell’Assistenza
Il Servizio di Bed Manager, soprattutto per la gestione del Sovraffollamento dei Pronto Soccorso e per favorire il governo dei flussi dei pazienti all’interno dell’ospedale e pianificare la logistica dei posti letto,.
Il Coordinamento dei CAL (Centri di Attività Limitata) per rendere i servizi capillari sino alle aree così dette “disagiate”

Ed infine:

Il Dipartimento Ospedaliero e dell’Integrazione Area Territoriale
Il Dipartimento Oncologico
Il Dipartimento di Emergenza/Urgenza con la rilevante la previsione del “Trauma Center”

Novità sono previste anche nell’Area Amministrativa, in correlazione ad aree ritenute prioritarie, per superare le principali criticità evidenziate in tutti i servizi dell’Azienda: tra queste la carenza di Personale e la necessità di procedere con celerità alla reintegrazione dei posti vacanti relativi a varie figure professionali.

Introdotto, inoltre, il Facility Management e l’ingegneria Clinica, alla quale è affidata la contestuale responsabilità e la cura degli aspetti tecnologici, strutturali ed alberghieri dell’ospedale e dei presidi rivolti direttamente all’utenza – sportelli di accoglienza, segnaletica, trasporti interni, qualità dell’immobile, servizi alberghieri, ecc.

L’incontro tra i vertici dell’Asp ed i sindaci

A conclusione della Conferenza, i Sindaci hanno espresso parere favorevole sul documento, evidenziando, nella parte interlocutoria, pieno apprezzamento sia per la struttura del documento, sia per i contenuti dello stesso sia, soprattutto per l’introduzione degli elementi decisamente nuovi ed innovativi.

Il Direttore Generale conclude: «Sarà imminente l’attuazione di buona parte delle iniziative presenti nel nuovo atto aziendale, soprattutto di tipo organizzativo, di controllo e di monitoraggio dei servizi, ma per la piena attuazione dell’atto aziendale si procederà alla stesura del documento di rideterminazione della dotazione organica e al piano triennale delle assunzioni, correlato alle specifiche esigenze delle varie UU.OO. da attivare».

 

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV