Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

ASP e Ospedali

Per prevenire la "morte improvvisa"

Asp di Caltanissetta, 1.700 studenti sottoposti a screening cardiologico

Grazie a un protocollo di intesa tra l'associazione "Segui il tuo cuore" presieduta da Cristel Meli, l'Azienda Sanitaria Provinciale e l'Ufficio Scolastico Provinciale per prevenire la morte cardiaca improvvisa

Tempo di lettura: 2 minuti

CALTANISSETTA. Sono già 1700 gli studenti delle scuole medie e superiori della provincia di Caltanissetta sottoposti a screening cardiologico, grazie a un protocollo di intesa tra l’associazione “Segui il tuo cuore” presieduta da Cristel Meli, l’Azienda Sanitaria Provinciale di Caltanissetta e l’Ufficio Scolastico Provinciale per prevenire la morte cardiaca improvvisa.

«Dall’esame degli elettrocardiogrammi- ha detto Cristel Meli– sono stati trovati ben 15 casi da approfondire per varie anomalie riscontrate. Casi che saranno presi in carico dal reparto di Cardiologia dell’ospedale Sant’Elia diretto da Felice Rindone. A questi ragazzi sono stati somministrati questionari anamnestici dove si raccolgono casi di familiarità ed episodi pregressi di patologia aritmica. Adesso saranno sottoposti a visita e ulteriori approfondimenti con esami strumentali si secondo livello (ecocardiogrmma e Holter)».

I dati sono stati resi noti nel corso dell’evento formativo aziendale sullo “Screening Cardiologico in età giovanile”, responsabili scientifici il direttore sanitario dell’Asp Marcella Santino e il cardiologo emodinamista Giovanni Longo.

«Siamo felici- ha detto quest’ultimo- che l’Asp di Caltanissetta abbia sposato questa lodevole iniziativa e abbia contribuito fattivamente a un progetto ambizioso voluto e sostenuto dall’assessore regionale Ruggero Razza. Non si esclude adesso che lo stesso progetto possa estendersi a livello regionale con Caltanissetta capofila».

Durante l’evento formativo il direttore di presidio dell’ospedale “Basarocco” di Niscemi, Alfonso Cirrone Cipolla, ha tenuto una relazione su epidemiologia delle patologie aritmiche con panoramica sulle patologie nel territorio nazionale e regionale. «Con la prevenzione nei confronti della popolazione giovanile- ha detto Cirrone Cipolla- utilizzando un semplice elettrocardiogramma si può salvare una vita».

Gli screening, che per il momento hanno interessato gli istituti scolastici di Caltanissetta, Gela e San Cataldo, continueranno fino a coprire l’intera provincia.

«Sono soddisfatto- ha dichiarato il direttore generale dell’Asp, Alessandro Caltagirone– perché la prima causa di morte nei giovani da 0 a 24 anni è legata proprio alle patologie cardiache che spesso provocano arresto cardiaco o morte improvvisa. Quindi ho sposato a pieno il progetto perché era mia volontà quella di intercettare precocemente queste patologie e intervenire dove possibile per salvare delle vite. Il ringraziamento va a quei medici e infermieri che in maniera del tutto volontaria seguono l’associazione in questa attività».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati