cimo giuseppe bonsignore

ASP e Ospedali

La protesta

Asp di Agrigento, Cimo: «Medicina Trasfusionale sull’orlo del baratro»

Il sindacato dei medici denuncia «il gravissimo stato di criticità assistenziale» e reitera la richiesta di intervento all'assessorato alla Salute

Tempo di lettura: 2 minuti

«La Medicina Trasfusionale di Agrigento è sull’orlo del baratro e nessuno interviene». Lo sostiene la Segreteria Regionale Cimo, sottolineando: «Siamo costretti a reiterare la segnalazione di questa gravissima situazione, aspettando risposte dall’assessorato regionale della Salute prima che accada qualcosa di grave alla salute dei cittadini e, possibilmente, soluzioni adeguate dalla direzione aziendale».

Insanitas ha chiesto una replica all’Asp di Agrigento, non appena dovesse arrivare sarà pubblicata. Il segretario regionale della Cimo Sicilia, Giuseppe Bonsignore, afferma: «L’unico ematologo assunto nei mesi scorsi all’ASP di Agrigento invece che essere indirizzato di gran carriera al Trasfusionale è stato assegnato alla Medicina Interna. Errare è umano, perseverare è diabolico. La più recente soluzione escogitata dalla Direzione Sanitaria è stata quella, destinata fin dalla sua ideazione a fallire, di far partecipare alla Pronta Disponibilità personale medico di altre unità operative, fatto che oltre a violare le norme contrattuali ha determinato la sacrosanta levata di scudi dei medici interessati dal provvedimento che hanno messo nero su bianco la loro indisponibilità ad aderire all’iniziativa non solo per motivi personali ma soprattutto professionali, non ritenendosi in grado di fornire alcun contributo alla disciplina di cui non fanno parte».

Lo scorso 30 ottobre la Segreteria Regionale Cimo aveva segnalato ai vertici della Sanità siciliana «il gravissimo stato di criticità assistenziale in cui versa ormai da mesi la Medicina Trasfusionale di Agrigento».

«Ad oggi- sottolinea Bonsignore- non è pervenuta alcuna risposta dall’Assessorato e la situazione stagna senza che il disagio degli operatori e l’altissimo rischio per i cittadini di buona parte della Provincia agrigentina sembra interessare a nessuno. È incomprensibile come la Direzione Sanitaria aziendale abbia negli ultimi mesi operato contro ogni logica, depauperando progressivamente la Medicina Trasfusionale di personale medico e tecnico che, se fosse rimasto al proprio posto, non avrebbe determinato tale incresciosa situazione».

«È una vicenda che ricorda da vicino quella del Pronto Soccorso dello stesso Presidio Ospedaliero San Giovanni di Dio- conclude Bonsignore- quando nel mese di agosto scorso il primario, Sergio Vaccaro, al quale, sempre a causa di gravi carenze di personale medico rispetto a cui l’azienda non fornì le dovute risposte, fu lasciata come unica opzione quella di dimettersi».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche