Asp di Agrigento, diminuisce il numero delle stabilizzazioni ma saranno full time

23 Settembre 2016

L'annuncio della direzione strategica aziendale: «Nell’intento di stabilizzare tutti i circa duecentoquaranta lavoratori precari avevamo ritenuto equo e corretto procedere con il part time. Nonostante ciò sono emerse alcune azioni di disapprovazione culminate in un’inaudita protesta». Da qui, appunto, la nuova decisione:

 

di

AGRIGENTO. «Visto che non sono stati accolti e recepiti i buoni propositi della Direzione Asp che, peraltro, nell’ottica della stabilizzazione omnicomprensiva avrebbe anche rischiato di risponderne dinanzi alla Corte dei Conti, si procederà adesso esclusivamente alla stabilizzazione dei lavoratori appartenenti alle categorie A e B, così come previsto nel protocollo assessoriale 2011 e nel rispetto delle graduatorie vigenti».

Lo scrivono in una nota il direttore amministrativo Salvatore Lombardo, il direttore generale Salvatore Lucio Ficarra (nella foto) e il direttore sanitario Silvio Lo Bosco, aggiungendo: «La Direzione strategica dell’Azienda sanitaria provinciale di Agrigento, in uno con le forze sociali, al fine di eliminare il precariato aziendale, ha istituito circa centoventi posti lavorativi nei limiti dei tetti di spesa previsti dalla legge per l’Asp di Agrigento e tenendo conto, ovviamente, delle qualifiche e graduatorie già approvate dalla precedente amministrazione per gli ex lavoratori socialmente utili».

«Nell’intento di stabilizzare tutti i circa duecentoquaranta lavoratori precari, senza fare torto a nessuno, la stessa Direzione strategica aveva ritenuto equo e corretto procedere con la procedura di stabilizzazione in regime di part time che avrebbe consentito il passaggio a tempo indeterminato per tutti, senza distinzione alcuna».

«Nonostante ciò sono emerse, a causa di certi “benpensanti”, alcune azioni di disapprovazione culminate in un’inaudita protesta, le cui legittimità e modalità saranno accertate nelle sedi opportune, a margine della recente visita a Ribera dell’assessore regionale alla Salute, Baldo Gucciardi».

Da qui, appunto, la nuova decisione dell’Asp: «Si procederà adesso esclusivamente alla stabilizzazione dei lavoratori appartenenti alle categorie A e B, così come previsto nel protocollo assessoriale 2011 e nel rispetto delle graduatorie vigenti. Ciò entro il numero massimo dei posti disponibili e secondo quanto sancito dai tetti di spesa previsti dalla normativa».

 

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV