Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

Blog

Arriva l’estate: un breve vademecum per la salute delle gambe…

Questi disturbi, legati magari all’insufficienza venosa e attenuati dal freddo invernale, sono spesso del tutto normali, ma con l’arrivo del caldo e delle temperature più calde possono invece accentuarsi.

Tempo di lettura: 2 minuti

Gonfiore alle caviglie, formicolio, indolenzimento o più in generale senso di pesantezza alle gambe sono abbastanza comuni per chi sta, magari per lavoro, parecchie ore in piedi.

Questi disturbi, legati magari all’insufficienza venosa e attenuati dal freddo invernale, sono spesso del tutto normali, ma con l’arrivo del caldo e delle temperature più calde possono invece accentuarsi.

Uno stile di vita sano e una cura costante delle proprie gambe è di fondamentale importanza per tutti coloro i quali sono soggetti o semplicemente predisposti a problemi vascolari. Le nostre gambe soffrono a causa del ristagno del sangue nelle vene e l’aumento della temperatura esterna non fa che acuire il problema poiché il caldo dilata i vasi superficiali e causa di conseguenza un rallentamento della circolazione.

Cosa fare dunque, specialmente nei periodi più caldi, per aiutare le nostre gambe?

Premesso che un controllo specialistico “stagionale” potrebbe essere in ogni caso consigliabile, quello che segue è un breve vademecum da osservare quanto più possibile:

Mantenersi attivi: sport e movimento aiutano la circolazione sanguigna; anche una passeggiata sulla spiaggia, specialmente nelle ore più fresche della giornata aiuta a combattere i problemi legati alla circolazione

Rimanere idratati e ridurre il consumo di sale: il sale è il nemico numero uno della circolazione; bere almeno due litri di acqua al giorno evita inoltre la ritenzione

Alimentarsi il più possibile con cibi ricchi di vitamine C ed E: agrumi, anguria, pomodori e peperoni sono ottimi per contrastare i problemi circolatori delle gambe

Evitare di surriscaldare le gambe e cercare di tenerle fresche: caldo e circolazione non vanno d’accordo; bagnare le gambe, se possibile, provoca una sensazione di benessere oltre a riattivare la circolazione

Fare attenzione all’abbigliamento: cercare di evitare indumenti molto aderenti o realizzati in fibre sintetiche, tacchi molto alti o scarpe ultra-piatte.

Nei casi più eclatanti però e se i disturbi continuano anche dopo aver preso le giuste precauzioni, sarebbe consigliabile rivolgersi ad uno specialista per approfondire meglio il problema.

dott. Gaetano Anello,

angiologo del Centro Salus di Palermo

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati