Arnas Civico, scoppia la bufera dopo un “comando” contestato: si dimette il direttore amministrativo

16 Febbraio 2018

I sindacati avevano puntato l'indice contro una delibera che dispone il trasferimento da Torino all'ospedale dei Bambini di una radiologa, compagna del commissario Migliore.

 

di

PALERMO. Una delibera finita nell’occhio del ciclone e, cronaca di oggi, pure le dimissioni del direttore amministrativo. All’Arnas Civico ore concitate, con la protesta dei sindacati che puntano l’indice contro un provvedimento: Anna Galluzzo, radiologa, trasferita fino al 30 marzo dall’azienda sanitaria territoriale Torino 4 all’ospedale dei bambini di Palermo.

Fino a qui nulla di strano. Ma è proprio il nome che ha fatto infuriare i sindacati. Perché Anna Galluzzo è la compagna di Giovanni Migliore manager dell’Arnas Civico e quindi, da oggi, anche suo capo. Ad onor del vero, sulla determina 280 del 9 febbraio scorso la firma di Giovanni migliore non c’è. C’è quella del suo vice, Vincenzo Barone e del direttore sanitario Rosalia Murè.

“Non ho seguito l’iter di questa pratica”, afferma Migliore. Ma questa dichiarazione non convince i sindacati che hanno chiesto precise spiegazioni ai vertici dell’azienda palermitana.

E, come detto, in aggiunta oggi sono arrivate pure le dimissioni del direttore amministrativo, Vincenzo Barone, che ritornerà a Villa Sofia.

La Uil, attraverso il suo segretario regionale Enzo Tango, spiega che una precisa norma impedisce lo spostamento in comando di una persona assunta da meno di sei mesi. E la dottoressa Galluzzo era stata appena assunta a Torino con un contratto a tempo determinato. Condizioni di precariato che, come sostiene la Uil, sarebbero un altro punto che impedirebbe il trasferimento.

Ma, per l’Arnas, ci sarebbero dei motivi che bypasserebbero questo regolamento. E lo stesso Migliore spiega: “Accettiamo e valutiamo tutte le domande di comando in ingresso. Gli interessati fanno richiesta, leggiamo il curriculum e noi, se d’accordo, chiediamo l’autorizzazione all’azienda di provenienza”.

Una procedura necessaria, secondo Migliore, perché “tutte le graduatorie sono già esaurite. E in questa fase di blocco delle assunzioni, queste procedure ci aiutano a risolvere le carenze di personale che mettono in difficoltà i reparti”.

Ma quella di Galluzzo non è l’unica nomina sotto accusa: la Uil chiederà spiegazioni anche sull’incarico del primario di cardiologia Gilberto Cellura, che sarebbe stato selezionato senza concorso e con una nota di appena due righe.

Anche la Fials ha chiesto spiegazioni al Civico: “Determine come queste – hanno detto i vertici del sindacato – fanno solo venire la nausea. Noi ancora oggi non ci vogliamo e possiamo credere. Pensiamo solo alle mancate stabilizzazioni, alle fasce non pagate, ai suicidi, ai burnout, ai cantieri incompiuti, ai piani faraonici finanziati con i soldi del comparto, ai mobber non sanzionati. Per il resto, speriamo che qualcuno chiarisca”.

AGGIORNAMENTO: “Abbiamo deciso di chiedere urgentemente delle spiegazioni ai vertici dell’ospedale – dichiara a Livesicilia l’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza– Il dirigente generale Mario La Rocca chiederà una relazione sia al direttore generale Migliore, sia al direttore amministrativo dimissionario Barone. Certamente i fatti vanno chiariti al più presto”.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV