Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
coronavirus

ASP e Ospedali

La nota

Arnas Civico, la Fials: «Stop ai tagli al numero di vaccinazioni»

Il sindacato in considerazione dell'aumento dei contagi chiede di ripristinare le ore di servizio dei lavoratori addetti alle somministrazioni.

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. «Aumentano i contagi e dunque urge uno stop ai tagli alle vaccinazioni a Palermo». Lo affermano dalla Fials-Confsal, chiedendo ai vertici dell’ospedale Civico di ripristinare le ore di servizio dei lavoratori assunti con il click day a 36 ore settimanali così come del resto hanno già chiesto l’Asp di Trapani e il distretto sanitario dell’Asp di Agrigento.

In una nota a firma del segretario provinciale Enzo Munafò e del segretario aziendale Mario Di Salvo (nella foto), il sindacato ricorda che nei mesi scorsi «ha preso atto pur non condividendole, delle due note con le quali era stato disposto un tetto massimo al numero di vaccini giornalieri da somministrare da parte dei due hub aziendali dell’Arnas, ovvero 200 al Civico e 100 al Di Cristina».

Adesso, «a fronte dell’aumento dei contagi e dell’apertura e utilizzo dell’hub vaccinale del “Di Cristina” alla vaccinazione dei soli bambini, consentendo e privilegiando i genitori ansiosi di sentirsi garantiti, queste disposizioni sono anacronistiche. Anche perchè nel frattempo si registra un aumento dei contagi che nelle ultime 24 ore ha registrato un trend del contagio con il 4,46% dei tamponi positivi ed un numero complessivo di 7364 morti».

Per questo motivo la Fials-Confsal ritiene «indispensabile che codesta amministrazione provveda a rimodulare l’organizzazione interna dei propri hub per garantire a tutti la disponibilità al vaccino presso l’hub del Civico evitando un netto diniego a vaccinarli, a causa del tetto che è stato imposto dal 23 novembre probabilmente rispondendo ad una logica di risparmio economico, nel periodo di calo della pandemia, ma che oggi non trova alcuna giustificazione a fronte di una richiesta vaccinale che cresce ogni giorno e che lascia molto spesso la gente in attesa di vaccinazione, per ore intere all’addiaccio presso altri hub della provincia di Palermo».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche