Emergenza urgenza

A Palermo

Arnas Civico, elipista intitolata alla memoria della rianimatrice del 118 Emanuela Tumbarello

Deceduta nel 2023 a soli 49 anni. Il commissario straordinario Messina: «Iniziativa a testimonianza della sua umanità e delle doti professionali».

Tempo di lettura: 4 minuti

Si è svolta oggi presso l’ARNAS Civico di Palermo la cerimonia di intitolazione della elipista alla dottoressa Emanuela Tumbarello, rianimatrice del 118 e medico anestesista che ha lavorato per circa 20 anni presso questa Azienda, deceduta il 19 febbraio dello scorso anno a soli 49 anni.

Un’intitolazione fortemente voluta da Walter Messina- commissario straordinario dell’ARNAS Civico-Di Cristina-Benfratelli- al fine di “dare testimonianza della umanità straordinaria, dei meriti e le doti umane di una ragazza solare che ha amato il suo lavoro, svolto orgogliosamente anche nel soccorrere i migranti nell’Isola di Lampedusa dove ogni mese si recava in servizio con l’elicottero del 118”.

Tra i tanti episodi, si ricorda in modo particolare quello dell’ottobre 2022. In quell’occasione, la dottoressa Tumbarello aveva contribuito a soccorrere ed assistere una bimba migrante di soli due anni, partita con la madre dalla Tunisia per raggiungere le coste della Sicilia su un gommone che durante la traversata aveva perso la rotta: la piccola aveva dovuto bere acqua di mare durante il viaggio e aveva rischiato di morire. Appena arrivata al Punto medico dell’isola, le sue condizioni sono apparse critiche ed è stata rianimata dalla dottoressa Tumbarello, coadiuvata da personale sanitario dell’equipe del 118, e con un elicottero del 118 è stata portata insieme alla madre a Palermo all’Ospedale dei Bambini.

La foto della targa commemorativa- scoperta davanti alla folla gremita, alla presenza dei gernitori della d.ssa Tumbarello- la ritrae proprio con la giovane vita salvata e l’iscrizione “Non c’e’ Buio Eterno per chi in vita si è’prodigato per illuminare la vita degli altri”.

A seguire è stato inaugurato, sempre presso l’ARNAS Civico, un murale realizzato negli uffici della centrale operativa del 118 dalle studentesse e dagli studenti del Liceo Artistico “D.Almeyda – Crispi” di Palermo.

In tale opera artistica che si sviluppa lungo i 26 metri della parete- in cui grandi elementi geometrici dai colori pastello sullo sfondo permettono di valorizzare le immagini figurative che si sovrappongono e susseguono lungo la parete, abbinandole ad un linguaggio contemporaneo che incontra immagini dal sapore vintage con tinte neutre ritoccate pittoricamente con pennellate veloci e segni grafici- le parole “Con il cuore”, che è anche il titolo dell’opera, sono tradotte in varie lingue e si ripetono come a voler tracciare una mappa.

Il murale, racconta il fondamentale lavoro svolto dagli operatori del 118 per la nostra comunità, 365 giorni l’anno, 24 ore al giorno, in cui la richiesta d’aiuto tramite chiamata telefonica è l’inizio di tutto, proseguendo con i 60/120 secondi di tempo per decidere quale mezzo sia più idoneo all’emergenza sanitaria da affrontare, concludendosi con l’immagine altamente simbolica di un cuore tra le mani di chi se n’è preso cura, evocando un senso di protezione e accudimento.

«Tale opera artistica-  dichiara Walter Messina- costituisce un esempio reale di connubio tra il sentimento di vicinanza dei giovani alla sanità pubblica e alla mission rilevante della centrale 118 e del personale 118, che attesta ulteriormente, mediante l’arte e la cultura, l’obiettivo di umanizzazione delle cure».

Alla cerimonia di dedicazione, oltre ai primari e ai dirigenti dell’Azienda, hanno preso parte l’Assessore alle attività Produttive Edmondo Tamajo, in rappresentanza del governo regionale, l’On. Carolina Varchi, l’On. Gaspare Vitrano, l’assessore al Comune di Palermo Pietro Alongi e il Presidente del Consiglio Giulio Tantillo.

Presenti anche il Prefetto di Palermo Massimo Mariani, il Questore Vito Calvino, il Comandante provinciale dei Carabinieri Luciano Magrini, il Comandante della Guardia di Finanza Domenico Napolitano, il comandante provinciale dei Vigili del Fuoco Girolamo Bentivoglio, il dirigente generale Dasoe Salvatore Requirez e Mons. Gino Lo Galbo. Per l’Aviation Critical Service era presente il Comandante Ciro Manzo mentre per Elisicilia i fratelli Mallia.

Erano presenti anche Riccardo Castro (presidente della Seus), il responsabile della Centrale operativa del 118 Palermo-Trapani, Fabio Genco, e per il servizio 6 dell’assessorato regionale alla Salute il dirigente Mario Lanza e il funzionario Alessandro D’Acquisto.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche