ASP e Ospedali

Area Sanitaria

Arnas Civico, affidati 14 incarichi di dirigenti di “Uosd” e “Uos”

Avranno una durata di 5 anni, a decorrere dal 16 aprile 2022. Ecco il dettaglio con tutti i nominativi e le dichiarazioni ad Insanitas dei vertici dell'azienda ospedaliera palermitana.

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. Affidati all’Arnas Civico 14 incarichi dirigenziali di UOSD e UOS dell’Area sanitaria. Avranno una durata di 5 anni, a decorrere dal 16 aprile 2022. Le proposte di affidamento erano state fatte dai direttori di Dipartimento relativi e, nel caso della UOS, dal direttore di struttura complessa afferente. Così come sottolinea la delibera di cui ha avuto visione Insanitas, per tutte c’è stata la condivisione del direttore sanitario Salvatore Requirez (nella foto).

ECCO IL DETTAGLIO:

– UOSD Psicologia Clinica: Angela Di Pasquale
– Direzione medica “Di Cristina”: Maria Lucia Furnari (pervenute pure le istanze di Nicola Giuseppe Alaimo e Desiree Farinella).
– UOSD Patologie infettive e Popolazioni vulnerabili: Tullio Prestileo (pervenuta pure l’istanza di Francesco Di Lorenzo).
– UOSD Utir: Santino Marchese
– UOSD Ch in uremico e in trapianti di rene: Saverio Matranga
– UOSD Ematologia e talassemia: Giovan Battista Ruffo
– UOSD Diabetologia e malattie metaboliche: Francesca Cardella
UOSD Cardiologia clinica per il trattamento dello scompenso cardiologico: Melchiorre Gilberto Cellura (perventure pure le istanze di Carlo Caserta, Ignazio Maria Smecca e Massimo Benedetto).
– UOSD Elettrofisiologia: Giuseppe Sgarito
– UOSD Allergologia: Giuseppe Dragotto
– UOSD Medicina penitenziaria: Antonino Di Grigoli
– UOSD Terapia del dolore: Pasquale Enea
– UOSD Oncoematologia: Carmela Anna Maria Tomaselli
– UOS Chirurgia aortica ed endovascolare: Gabriele Ferro

Il direttore sanitario Salvatore Requirez sottolinea ad Insanitas: «Questa tornata di nomine dei direttori di struttura intermedia segna un ulteriore passo verso il progressivo completamento degli schemi organizzativi portato avanti dalla Direzione Strategica, nonostante il generale rallentamento- per non dire blocco- delle relative procedure collegate all’annosa pandemia Covid-19 ed in sintonia con le disposizioni regionale in ordine alla vigente rete ospedaliera».

Inoltre, Requirez aggiunge: «Tutte le attività sanitarie e gestionali delle nuove e vecchie strutture intermedie verranno sottoposte a monitoraggio ai livelli dipartimentali interessati e ricondotte al nuovo sistema di valutazione delle performance in via di definizione a cura degli uffici aziendali preposti e in coerenza con gli obiettivi esistenti».

Interviene anche il direttore generale Roberto Colletti: «Si va sempre di più concretizzando l’assetto definitivo nelle strutture aziendali previsto dall’adottato Atto Aziendale che definisce livelli di responsabilità professionale e gestionale nell’ottica privilegiata e sin dal primo momento seguita dalla corrente gestione di offrire al bacino di utenza che interessa i PP.OO. Civico e Di Cristina la migliore offerta sanitaria possibile».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche