Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

Salute e benessere

In collaborazione con l'Arpa

Ambiente e salute, il monito degli pneumologi siciliani: «Urgono misure più severe contro l’inquinamento industriale»

A Messina si è svolto il I Congresso Regionale della Società Italiana di Pneumologia (SIP/IRS). Presenti medici, infermieri e tecnici dell’Arpa. L'obiettivo è spingere le istituzioni a legiferare in maniera più restrittiva sul tema, seguendo le direttive dell’Oms.

Tempo di lettura: 2 minuti

MESSINA. Con l’obiettivo di fare il punto sulla situazione odierna della pneumologia siciliana, è stato organizzato a Messina il I Congresso Regionale della Società Italiana di Pneumologia (SIP/IRS). Medici, infermieri e tecnici dell’Arpa si sono riuniti al Monte di Pietà per trattare diverse tematiche di grande interesse specialistico, tra cui il rapporto tra inquinamento ambientale e la salute dei cittadini.

La scelta di focalizzarsi sull’inquinamento non è stata casuale per gli pneumologi siciliani, che hanno così voluto sottolineare la gravità del problema in Sicilia e le sue ricadute sulla salute pubblica. Sotto la lente d’ingrandimento della SIP, sono finte tre zone in particolare, dichiarate di interesse nazionale perché i poli industriali che vi si trovano sono fortemente impattanti per il territorio siciliano: Gela, Siracusa e Milazzo. Queste aree sono state monitorate dall’Arpa che ha trovato inquinamento a tutti i livelli: suolo, sottosuolo, acque marine, sedimenti, aria.

Eppure durante i numerosi controlli risulta sempre che le industrie citate rispettino i parametri ambientali, com’è possibile? La diatriba ha origine nella legislazione italiana e in particolare nel D. Lgs. 155/2010 che non contempla alcuni agenti inquinanti come gli idrocarburi non metanici, l’idrogeno solforato e lo stilene.

Per gli inquinanti normati, invece, non viene fatta alcuna distinzione tra adulti e bambini; non si tratta di un cavillo inutile perché l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha ricordato che, in Europa, su 3 milioni di morti l’anno per inquinamento, 576.000 sono bambini.

Alla luce di ciò appare chiaro che la SIP con l’incontro ha voluto avviare un giusto processo di collaborazione tra l’Arpa e l’Asp al fine di spingere le istituzioni, soprattutto nazionali, a farsi carico del problema e legiferare in merito in maniera più restrittiva, seguendo le direttive dell’Oms, prima che sia troppo tardi.

 

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati