Ambiente e salute, il monito degli pneumologi siciliani: «Urgono misure più severe contro l’inquinamento industriale»

18 Marzo 2017

A Messina si è svolto il I Congresso Regionale della Società Italiana di Pneumologia (SIP/IRS). Presenti medici, infermieri e tecnici dell’Arpa. L'obiettivo è spingere le istituzioni a legiferare in maniera più restrittiva sul tema, seguendo le direttive dell’Oms.

 

di

MESSINA. Con l’obiettivo di fare il punto sulla situazione odierna della pneumologia siciliana, è stato organizzato a Messina il I Congresso Regionale della Società Italiana di Pneumologia (SIP/IRS). Medici, infermieri e tecnici dell’Arpa si sono riuniti al Monte di Pietà per trattare diverse tematiche di grande interesse specialistico, tra cui il rapporto tra inquinamento ambientale e la salute dei cittadini.

La scelta di focalizzarsi sull’inquinamento non è stata casuale per gli pneumologi siciliani, che hanno così voluto sottolineare la gravità del problema in Sicilia e le sue ricadute sulla salute pubblica. Sotto la lente d’ingrandimento della SIP, sono finte tre zone in particolare, dichiarate di interesse nazionale perché i poli industriali che vi si trovano sono fortemente impattanti per il territorio siciliano: Gela, Siracusa e Milazzo. Queste aree sono state monitorate dall’Arpa che ha trovato inquinamento a tutti i livelli: suolo, sottosuolo, acque marine, sedimenti, aria.

Eppure durante i numerosi controlli risulta sempre che le industrie citate rispettino i parametri ambientali, com’è possibile? La diatriba ha origine nella legislazione italiana e in particolare nel D. Lgs. 155/2010 che non contempla alcuni agenti inquinanti come gli idrocarburi non metanici, l’idrogeno solforato e lo stilene.

Per gli inquinanti normati, invece, non viene fatta alcuna distinzione tra adulti e bambini; non si tratta di un cavillo inutile perché l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha ricordato che, in Europa, su 3 milioni di morti l’anno per inquinamento, 576.000 sono bambini.

Alla luce di ciò appare chiaro che la SIP con l’incontro ha voluto avviare un giusto processo di collaborazione tra l’Arpa e l’Asp al fine di spingere le istituzioni, soprattutto nazionali, a farsi carico del problema e legiferare in merito in maniera più restrittiva, seguendo le direttive dell’Oms, prima che sia troppo tardi.

 

  • M. Schisano

  • G. Valastro

  • B. Ruvioli

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV